direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Germania,  Istituto Italiano di Cultura di Amburgo:  “I Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni a teatro, con Massimiliano Finazzer Flory

CULTURA

 

AMBURGO – L’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo organizza per questa sera un Reading teatrale con il Maestro Massimiliano Finazzer Flory, che dà voce ai personaggi del romanzo di Alessandro Manzoni, “I Promessi Sposi”, leggendo alcuni dei capitoli più significativi (I, VI, VIII, XII, XXI, XXXIV e XXXVIII).  Si tratta di uno spettacolo riconosciuto di interesse nazionale, che verrà introdotto dal Pof. Dr. Marc Föcking dell’Istituto di Romanistica dell’Università di Amburgo.

L’evento è organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo in collaborazione con l’Istituto di Romanistica dell’Università di Amburgo. La partecipazione è gratuita, ma è richiesta la registrazione tramite il portale Eventbrite: Alessandro_Manzoni_Hamburg.eventbrite.de.

Dopo il successo delle letture nel Duomo di Milano de “I Promessi Sposi”, proseguono le celebrazioni Manzoniane per i 150 anni dalla scomparsa, il 22 maggio, di Alessandro Manzoni. Un viaggio tra letteratura e teatro, dove i personaggi de “I Promessi Sposi” come i bravi, don Abbondio, l’Innominato, Cecilia, Renzo e Lucia rivivono con la voce di Massimiliano Finazzer Flory accompagnato in scena con musiche di Verdi e Mascagni da Matteo Fedeli che suonerà un violino Guarneri del 1706. Un’occasione straordinaria per ascoltare e apprezzare attraverso le voci dei personaggi la ricchezza del capolavoro manzoniano. I capitoli selezionati offrono agli ascoltatori la possibilità di fare un excursus ne “I Promessi Sposi”, ricordandoci come la letteratura possa proteggere e arricchire la nostra immaginazione.

Massimiliano Finazzer Flory (Monfalcone, 1964) è un attore, drammaturgo e regista teatrale. Vive e lavora tra Milano e New York. Il suo esordio è avvenuto a Venezia in ambito teatrale negli anni 2000-2004 come autore prima di “Il Mito e la Donna” a cui è seguito “Il Mito e l’Uomo” a Palazzo Ca’ Rezzonico e alla Fondazione Giorgio Cini in cui ha presentato letture sceniche dedicate ai miti greci. A Milano alla libreria Rizzoli in Galleria Vittorio Emanuele II è stato ideatore e conduttore di “Cultura in Galleria”, una rassegna culturale in cui vengono presentate e discusse le più importanti novità editoriali in campo filosofico, letterario e saggistico. Nel 2005 ha debuttato al Piccolo Teatro Studio di Milano con lo spettacolo “L’altro viaggio” di Rainer Maria Rilke. Qualche tempo dopo mette in scena una lettura scenica dell’Eneide con il progetto “In viaggio con Virgilio”. Oltre alle numerose messe in scena di pezzi teatrali, ha scritto libri tra cui “Altri Conformismi” edito da Marsilio Editori di Venezia e “La parola contesa tra filosofia e scienza” edito da Baldini-Castoldi Dalai di Milano. Negli anni 2010-2015 tratta il tema del Futurismo in diverse sfaccettature portando in giro per il mondo diverse rappresentazioni. Dal 2011 ha diretto e interpretato “I PROMESSI SPOSI”, in quattro continenti e in oltre 20 Paesi tra Europa, America, Asia e Australia. Nel 2023 è stato direttore artistico del “Maggio Manzoniano” portando in scena la lettura integrale dell’opera “I Promessi Sposi” nel Duomo di Milano alla presenza delle massime Autorità. Nel 2015 a Milano durante l’EXPO veniva mostrato il suo spettacolo teatrale “Essere Leonardo da Vinci intervista impossibile” ovvero la biografia del genio, artista e scienziato. Spettacolo che trasforma in film lungometraggio nel 2019 in collaborazione con Rai Cinema in occasione dei 500 anni dalla scomparsa di da Vinci. Nel maggio 2016 al Teatro Farnese di Parma ha debuttato la sua nuova opera di teatro-musica “Verdi legge Verdi” su testi originali del compositore italiano. È insignito di numerosi Premi in Italia e all’Estero. In occasione delle celebrazioni per i 700 anni dalla scomparsa di Dante Alighieri legge integralmente la Divina Commedia nel Duomo di Milano. Nel 2022 realizza l’opera cinematografica “Un coach come padre. L’incredibile storia di Sandro Gamba”, con il quale racconta ai giovani la storia del famoso giocatore di Pallacanestro, Gamba, tesa tra la guerra e le vittorie, tra i ricordi ed emozioni di vita vissuta davvero. Nel 2023 sempre per Rai Cinema realizza il docufilm “Altri Comizi d’Amore”, che prende spunto dal film di Pasolini “Comizi d’Amore” girato nel 1965, per rivederlo e rappresentarlo in una nuova prospettiva. In occasione dei 150 anni dalla scomparsa di Alessandro Manzoni realizza nel 2023 il “Maggio Manzoniano” con la lettura dei “Promessi Sposi in Duomo di Milano” e anche il film documentario “La storia di Peppino Fumagalli. La Candy e le imprese famiglia”, una storia famigliare che non tutti conoscono che tratta la trasformazione di una piccola azienda della Brianza che cambiò nel mondo i costumi e i consumi diventando una grande industria: la Candy. Contribuendo anche all’emancipazione del lavoro femminile.

Massimiliano Finazzer Flory dal 2023 è Consigliere del Consiglio di Amministrazione del primo teatro pubblico e primo teatro stabile d’Italia ovvero del “Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa”. Matteo Fedeli (Milano,3 luglio 1972) è violinista, violista e docente di violino presso il Conservatorio di Musica Antonio Scontrino di Trapani. È tra i fondatori dell’Orchestra Nazionale del CISOM (Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta) e del progetto Suoni d’Autore (SdA Masterclass & MusicFestival), che vede la partecipazione di numerosi docenti e concertisti. E’ Direttore Artistico di SdA Music Festival e del Solo d’Archi Ensemble. La missione artistica di Matteo Fedeli è portare la voce degli strumenti dei celebri liutai cremonesi Amati, Stradivari e Guarneri al grande pubblico. Attualmente è impegnato nella promozione dei progetti ‘Suoni d’Autore’, ‘Solos’ e ‘OnTheStage’ e per la sua attività utilizza i violini Andrea Guarneri 1694 e Pietro Giovanni Guarneri 1709 concessi in esclusiva da rinomati atelier di liuteria e prestigiose collezioni private.

Per la grande sensibilità dimostrata nell’affiancare la solidarietà ai grandi eventi concertistici e a riconoscimento della sua carriera artistica è stato insignito della Croce di Cavaliere dell’Ordine di Malta, della Croce di Cavaliere di merito del Sacro Militare Ordine Costantiniano, del riconoscimento Paul Harris Fellow quattro zaffiri e del premio ‘The Man of the Year’ ILICA New York. Il Dr. Marc Föcking (nato il 25 dicembre 1962 a Eschwege in Assia) è un romanista tedesco e studioso di letteratura. Dopo essersi diplomato al Collegium Augustinianum Gaesdonck, Föcking ha studiato lingue e letterature romanze, germanistica e filosofia a Bonn, Monaco e Milano. Nel 1994 ha conseguito il dottorato a Berlino con una tesi sulla poesia religiosa del poeta barocco italiano Angelo Grillo e nel 1999 ha conseguito l’abilitazione in filologia romanza con una tesi sul rapporto tra letteratura francese e scienza nel XIX secolo diventando filologo e letterato romanista tedesco. È professore di Letteratura italiana e francese all’Università di Amburgo.(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform