direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Francia, due convegni per i 30 anni dell’Inas Cisl a Nizza

PATRONATI

Relatore Graziano Del Treppo, già coordinatore dell’Inas Francia

“Convenzione fiscale franco-italiana : come evitare le doppie imposizioni” e “Sicurezza sociale europea : i limiti per accedere alle cure mediche all’estero”

 

NIZZA – Nel 1992 il Patronato Inas Cisl  Francia apriva la sua sede di Nizza, diventata oggi sede di Coordinamento Nazionale per la Francia. In occasione di questo 30° anniversario, l’INAS ha organizzato due convegni : il primo sulla Convenzione fiscale Italo-Francese; il secondo sulla Sicurezza Sociale Europea con particolare riguardo agli aspetti sanitari transfrontalieri.

I due convegni si sono tenuti nei locali messi a disposizione dal Consolato Generale d’Italia a Nizza, in presenza di un numerosi connazionali e sono stati introdotti dalla coordinatrice Nazionale dell’Inas Cisl Francia, Mirella Liuzzo e animati da Bruno Capaldi, consigliere emerito del Cgie.

Nel primo convegno Graziano Del Treppo , ex coordinatore dell’Inas Francia, ha illustrato la Convenzione italo-francese per evitare le doppie imposizioni, con particolare riferimento all’imposizione delle pensioni. Sono seguiti quindi interventi di Franco Chittolina, ex funzionario della Commissione Europea, sul tema “Il fisco e l’Unione Europea”, del commercialista Mauro Michelini  e del signor  Vinas, dei servizi fiscali francesi esperto in fiscalità internazionale, che hanno risposto alle numerose domande del pubblico.

Graziano Del Treppo ha introdotto anche il secondo convegno presentando i punti principali dei Regolamenti europei in materia di sicurezza sociale. E’ seguita quindi una relazione fornita dalla Direzione delle Relazioni Internazionali della Sicurezza Sociale di Nizza, con particolare riferimento alla sanità, alle cure transfrontaliere, ai loro vantaggi e ai loro limiti. Infatti la situazione della Regione di Nizza ‘ Provenza-Alpi-Costa Azzurra’ (PACA) conosce un flusso relativamente importante di cittadini italiani delle zone limitrofe del Piemonte o della Liguria desiderosi di beneficiare di cure mediche in Francia, anche se queste cure sono inquadrate dai Regolamenti Europei che precisano e limitano la possibilità di ricorrere in particolare a cure ospedaliere in un altro Paese. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform