direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Formati in Italia i futuri operatori di Polizia doganale

NIGER

Il corso si è svolto presso il Cas di Orvieto . Iniziativa incollaborazione con il Ministero degli Esteri

 

ROMA – Si è concluso il corso di formazione per operatori di Polizia doganale della Repubblica del Niger che si è svolto presso il Centro Addestramento di Specializzazione di Orvieto (Cas). L’iniziativa, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri , è finalizzata al rafforzamento delle Istituzioni dei Paesi ritenuti di importanza strategica e prioritari nell’ottica di attenzione e sostegno dell’Africa. Il Niger per la sua posizione geografica riveste una particolare rilevanza nell’ambito dei vari traffici illeciti che si sviluppano nella Regione africana in questione con riflessi anche sul nostro Paese.

Da cinque anni il Cas realizza corsi a favore di funzionari delle Forze di polizia ed Agenzie di law enforcement operanti nel settore doganale dei seguenti Paesi: Macedonia, Somalia, Afghanistan (tre edizioni), Angola, Mali, Kenia, Mauritania, Nigeria (due edizioni) Mozambico e Libano (due edizioni).

Sono già stati pianificati inoltre analoghi corsi tra i quali si evidenzia quello a funzionari della Repubblica di Haiti che è organizzato in collaborazione con il Governo degli Stati Uniti ha avuto il plauso dell’Organizzazione delle Nazioni Unite.

L’attività di addestramento per operatori di polizia doganale in Niger, sviluppata dal 13 al 30 gennaio 2014, ha avuto l’obiettivo di dotare la polizia doganale e di frontiera di proprie unità di addestramento sempre più qualificate, al fine di rafforzarne le capacità di controllo doganale. Il percorso formativo ha fornito un approfondimento sia degli aspetti operativi che della normativa internazionale in materia doganale. In particolare, le lezioni hanno riguardato il controllo delle persone e delle merci, il contrasto all’immigrazione clandestina, il contrabbando, la repressione dei traffici di armi e stupefacenti, la vigilanza sulla sicurezza dei confini, la tutela personale dell’operatore, le tecniche di tiro e le tecniche operative di polizia.(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform