direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Firmato al Masaf il protocollo tra Rete Nazionale degli Istituti Agrari e ISMEA. Lollobrigida: “Mettiamo in rete risorse per valorizzare giovani”

MINISTERO AGRICOLTURA, SOVRANITÀ ALIMENTARE E FORESTE

 

ROMA – È stato siglato presso il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, su iniziativa del ministro Francesco Lollobrigida, il protocollo d’intesa tra la Rete

Nazionale degli Istituti Agrari e ISMEA. L’obiettivo dell’intesa – informa il Ministero –  è di favorire la conoscenza del settore dell’agroalimentare, la diffusione di dati e informazioni sul settore e fornire agli studenti delle occasioni di formazione e orientamento sui servizi che l’Istituto mette a disposizione dei giovani.  Più nel dettaglio la collaborazione si sostanzierà nel coinvolgimento diretto degli studenti degli Istituti Tecnici aderenti alla Re.N.Is.A. nelle attività organizzate da ISMEA, anche presso eventi e fiere in Italia e all’estero, attraverso l’attivazione di percorsi di orientamento e giornate formative  su servizi di ISMEA a sostegno dell’imprenditorialità in agricoltura nonché mediante l’organizzazione di study visit presso aziende agricole che hanno attivato uno dei servizi offerti da ISMEA.

“Con questo protocollo che abbiamo firmato, vogliamo rendere sempre più caratterizzante il ruolo degli istituti agrari e mettere in rete le risorse necessarie per valorizzare i giovani studenti e il loro percorso formativo”, ha dichiarato il ministro dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste Francesco Lollobrigida. “La volontà del Masaf è di rendersi centrale, con politiche attive che mettano il sistema dell’agricoltura, fatto di formazione, sviluppo, trasformazione e distribuzione, in un’unica grande filiera. Con il Governo Meloni aiutiamo e supportiamo le nostre generazioni che rappresentano il presente e il futuro dell’agricoltura e della Nazione”.

“Il protocollo dimostra come sia importante per le scuole appartenere alle reti e come la sinergia tra istituti, centri di ricerca e istituzioni possa creare un apporto significativo al percorso formativo dei ragazzi” – ha evidenziato il Sottosegretario all’Istruzione e al Merito, Paola Frassinetti. “Garantire percorsi multipli, fornire modalità diversificate di studio e nuovi strumenti didattici riveste un momento fondamentale per gli studenti. La collaborazione attivata dal Protocollo favorirà una serie di attività e giornate di formazione che porteranno a un maggior coinvolgimento diretto degli alunni, scambio di esperienze e crescita, in un’ottica che vede una sempre maggior convergenza tra ministeri e scuola”.

“Un’agricoltura competitiva e all’avanguardia richiede competenze specialistiche sempre più avanzate, visione strategica e capacità di fare impresa – ha sottolineato il Direttore Generale ISMEA Maria Chiara Zaganelli. “Puntare sulla formazione dei giovani è vitale per un settore chiamato a fronteggiare le complesse sfide climatico-ambientali della contemporaneità e rispondere agli obiettivi assunti con il PNRR. Con questo protocollo d’intesa ISMEA intende mettere a disposizione degli Istituti Tecnici aderenti alla Re.N.Is.A il suo patrimonio informativo, il suo know how e i suoi strumenti, con l’obiettivo di contribuire alla sviluppo di figure professionali in linea ai fabbisogni di un settore sempre più orientato all’innovazione e alla multifunzionalità”.

“Questa giornata rappresenta un momento storico molto importante per la Rete Nazionale degli Istituti Agrari che è rappresentata dai tecnici e professionali e sono oltre 260 in tutta Italia”, ha evidenziato il presidente della Rete Nazionale degli Istituti Agrari (Re.N.Is.A.) Patrizia Marini. “È la prima volta, infatti, che viene firmato un protocollo d’intesa con il Ministero dell’Agricoltura e con Ismea per elevare sempre di più il valore di tutti i percorsi didattici e formativi, quindi un particolare ringraziamento al presidente di Ismea, ma soprattutto al Ministro per quanto sta facendo”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform