direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Finlandia, a Helsinki “Kechì Kinnòr: musica e poesia degli ebrei d’Italia”

MEMORIA

L’Istituto Italiano di Cultura e la Chiesa tedesca di Helsinki ricordano la Shoah con un concerto il 25 gennaio

 

HELSINKI – Il 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche liberarono i superstiti del campo di concentramento di Auschwitz facendo conoscere al mondo gli orrori del genocidio nazifascista. Ogni 27 gennaio si celebra il Giorno della Memoria, una ricorrenza internazionale per commemorare le vittime dell’Olocausto.

L’Istituto Italiano di Cultura di Helsinki e la Chiesa tedesca di Helsinki ricordano la Shoah con il concerto “Kechì Kinnòr: musica e poesia degli ebrei d’Italia” di Enrico Fink e i Solisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo (*). L’evento è in programma per il prossimo 25 gennaio  ,con inizio alle ore 19, presso Saksalainen kirkko (Bernhardinkatu 4, Helsinki). Ingresso libero.

Enrico Fink, da anni una delle voci principali del mondo ebraico italiano, insieme al nucleo storico dell’Orchestra Multietnica di Arezzo, che da anni racconta l’Italia delle mille culture, delle minoranze e delle differenze, in Kechì Kinnòr (Prendi il violino) propongono in una veste trascinante e coinvolgente i canti italiani per le feste ebraiche, canti che raccontano una lunga storia di interazione e scambio con le tradizioni popolari e colte italiane ma che mantengono una identità e un carattere tutto loro. Il concerto passa dalle musiche per il rito alle danze di festeggiamento, dai processionali per l’arrivo del corteo nuziale ad antichi poemi rinascimentali entrati nel ricco repertorio della tradizione ebraica italiana. Dalle musiche di tradizione orale dei riti sinagogali, ai poemi in musica di maestri del Rinascimento italiano.

L’Orchestra Multietnica di Arezzo nasce nel 2007 da un percorso formativo, aperto alla partecipazione di musicisti italiani e stranieri e finalizzato alla conoscenza e all’approfondimento delle strutture di base delle musiche tradizionali delle aree del mediterraneo, per incrociarle con la tradizione italiana ed europea e predisporre un repertorio basato sulla contaminazione. Il nucleo storico dell’Orchestra Multietnica di Arezzo propone un repertorio che spazia dalla tradizione araba a quella ebraica, dal Mediterraneo all’est Europa al Bangladesh, alla taranta pugliese, offrendo al pubblico una vera e propria festa di suoni e colori coordinata magistralmente da Enrico Fink, grande esperto di Musica tradizionale ebraica e di world music in generale.

(*) Enrico Fink (voce, flauto) e i Solisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo: Luca Baldini (basso), Massimiliano Dragoni (salterio e percussioni), Massimo Ferri (chitarra, bouzouki), Renata Lazko (viola), Gianni Micheli (clarinetto basso), Mariel Tahiraj (violino) (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform