direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Festa di compleanno per il sesto anniversario dell’Associazione Culturale Italiana di New York

ITALIANI ALL’ESTERO

Da “America Oggi” on line

 

NEW YORK – L’Associazione Culturale Italiana di New York ha festeggiato domenica il sesto anniversario della fondazione con un dinner-dance, assieme a 350 ospiti presso la sala ricevimenti Russo’s on the Bay a Howard Beach dove sono state annunciate le attese novità sulla prossima edizione del Festival della canzone italiana.

All’appuntamento con l’Associazione erano presenti il senatore statale Joseph Addabbo e l’ex senatore Serphin Maltese, oltre all’ospite d’onore Marina Tagliaferri venuta per ritirare il riconoscimento “Woman of the Year”.

Durante la cerimonia Joseph Addabbo ha consegnato una Proclamation emessa dal Senato di Albany indirizzata a Marina Tagliaferri, Frank Monteleone e Salvatore Vacca ai quali l’Associazione ha inoltre assegnato rispettivamente gli attestati di “Man of the Year” e il “Christopher Columbus Award”.

L’Associazione che si compone di un’ottantina di membri, con sede in Queens, durante la sua giovane esistenza ha individuato il filone dell’intrattenimento quale collante, a cui dedica energie e fondi, risultato essere un polo di attrazione per le giovani leve italiane all’estero aspiranti cantanti che desiderano affacciarsi al mondo dello spettacolo.

Il chairman dell’Associazione Tony Di Piazza – affiancato dal presidente Tony Mulé – ha riassunto così i sei anni di attività. “Siamo cresciuti notevolmente, se si considera che siamo partiti da zero. Abbiamo individuato un veicolo per distinguerci che è il Festival della canzone italiana a New York. Abbiamo iniziato in sordina – ha spiegato Di Piazza – e piano piano ci siamo elevati anche dal punto di vista della locazione che della qualità, portandolo a conoscenza nel mondo”.

Di Piazza ha proseguito dicendo che il Festival negli ultimi 3 anni si è conquistato un’audience quasi mondiale.

“Perché fuori dall’Italia, il nostro è diventato il Festival più conosciuto, difatti le domande di partecipazione degli aspiranti cantanti stanno arrivando da ogni parte del mondo e quest’anno avremo una giuria di tutto rispetto”.

L’appuntamento con l’edizione 2014 del Festival della canzone italiana a New York è fissato per il 14 settembre, intanto la rosa dei nomi di star ospiti si allunga dopo la partecipazione già annunciata di Patty Pravo, Sandro Giacobbe, Massimo Di Cataldo e del rapper High Energy.

“Stiamo cercando di svecchiare questo tipo di manifestazione canora, dare largo ai giovani – ha continuato Di Piazza – e stiamo puntando le nostre energie sulla prossima edizione”.

Il chairman Di Piazza, al quale abbiamo chiesto se l’allestimento del Festival sia la principale attività a cui si dedica l’Associazione, ha risposto che anche quello è un modo per diffondere cultura italiana.

“Noi cerchiamo di promuovere la cultura italiana e lo facciamo attraverso la musica. Perché abbiamo scoperto che è un veicolo facile che attrae i giovani e riunisce la gente. Abbiamo iniziato con gli spettacoli gratuiti, ma con il passare degli anni, con un livello superiore degli show e la necessità di procurare teatri più prestigiosi, dobbiamo affrontare spese enormi, però cerchiamo di essere ragionevoli sui biglietti”.

È una forma diversa di promozione di lingua e cultura, ma è anche vero che quello dello spettacolo è un segmento a cui guarda un certo numero di ragazzi italiani sparsi nel mondo per avicinarsi all’Italia.

“I giovani italiani fuori dall’Italia – ha concluso Di Piazza – si possono mettere a confronto con i cantanti italiani. Prendiamo cinque concorrenti dall’Italia e cinque provenienti dal mondo che gareggiano. Siamo convinti che anche questo tipo di attività serva la nostra missione di promozione di cultura e lingua italiana”.

Il conduttore di Radio Icn, Tony Pasquale ha fatto le funzioni di maestro di cerimonie che ha visto protagonista l’attrice Marina Tagliaferri, in arte Giulia Poggi nella popolare serie televisiva in onda su Rai, “Un posto al sole”.

Non ha avuto bisogno di presentazioni, considerata la sua presenza quotidiana sul piccolo schermo nelle case degli italiani nel mondo che seguono la soap opera tutta italiana “Un posto al sole”.

Il riconoscimento “Man of the Year” è andato al chirurgo e specialista del seno Frank Monteleone, mentre all’importatore di prodotti alimentari italiani Salvatore Vacca presidente dell’azienda A.J. Trucco con sede nel Bronx, è stato assegnato il “Christopher Columbus Award”, infine, un riconoscimento è andato a Stefano Santoro, direttore artistico del Festival.(Riccardo Chioni-America Oggi.info, 8 aprile /Inform) 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform