direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Festa della Repubblica italiana a San Gallo

EVENTI

Nel Chiostro di santa Caterina si è svolta un’iniziativa promossa dal Consolato onorario d’Italia, dal Comites e dal Centro culturale italiano di San Gallo

ZURIGO – Venerdì 4 giugno 2021, a San Gallo, nella storica cornice del Chiostro di Santa Caterina, è stata celebrata la Festa della Repubblica 2021.

Su invito del Consolato onorario d’Italia, del Comites e del Centro culturale italiano di San Gallo, un folto gruppo di autorità e connazionali si è ritrovato, dopo lunghi mesi di pandemia e “reclusione” a celebrare insieme la Festa della Repubblica Italiana.

Nel suo discorso di benvenuto, il console onorario Georg Paul Burger ha illustrato il senso della celebrazione nella sede del Forum St. Katharinen: “È questo un luogo storico importante per la Città di San Gallo: un monastero femminile fondato verso la fine del XII secolo, che ha visto molti avvenimenti festosi ma anche tristi come incendi, saccheggi, pandemie. Si è sempre rialzato, mostrando forza e coraggio e guardando al futuro con grande ottimismo. Oggi questa è anche la nostra sede consolare, che rappresenta l’Italia nella città di San Gallo e nella Svizzera Orientale. Da essa traiamo un buon auspicio anche per i 75 anni di Repubblica Italiana, con bassi e alti, gioie, delusioni e speranze. Siamo invitati a festeggiare un compleanno insieme, italiani e svizzeri, guardando avanti con grande speranza e con sincera amicizia tra le nostre due nazioni: l’Italia e la Svizzera strette nel reciproco rispetto e nella forza della democrazia”. Il Console ha poi ringraziato le autorità svizzere che hanno voluto inviare messaggi di saluto: la sindaca di San Gallo Maria Pappa, la ministra cantonale degli Interni Laura Bucher e il senatore (Ständerat) Benedikt Würth. Ha poi concluso: “Auguriamo alla Repubblica italiana tutto il meglio possibile e un felice, duraturo e solido sviluppo. L’Italia è un grande paese con una grande storia, cultura, moda, gastronomia e gente amichevole, generosa e lavoratrice, che la Svizzera ha saputo accogliere e, col tempo, stimare ed apprezzare”.

Hanno preso la parola successivamente il presidente del Comites di San Gallo, Sergio Giacinti, che ha illustrato il contesto storico della ricorrenza ed il segretario generale del Cgie (Consiglio Generale degli Italiani all’Estero) Michele Schiavone, che si è rallegrato per la manifestazione il cui senso travalica la circoscrizione sangallese – era presente infatti anche il presidente del Comites di Zurigo, Luciano Alban – e che si è felicitato per la numerosa presenza di presidenti di associazioni e cittadini, segno evidente di un attaccamento alle istituzioni italiane.

È seguita l’esecuzione dell’inno nazionale, accompagnato dal Gruppo Giovani Fisarmoniche di Sevelen, che ha allietato anche tutta la cerimonia con brani del folklore italiano. Al termine tutti i presenti sono stati inviati al tradizionale rinfresco. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform