direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Fabio Porta (Pd- ripartizione America Meridionale) sulla Legge di Bilancio: previdenza, sanità ed emigrati, i nodi irrisolti

PARLAMENTARI CIRCOSCRIZIONE ESTERO

 

ROMA – “Dovremo profondere il massimo impegno per ricordare a Governo e Parlamento che sono molti i problemi insoluti che riguardano i diritti dei nostri connazionali i quali necessitano e meritano una maggiore attenzione”. Lo dichiara il deputato del Pd Fabio Porta , eletto nella circoscrizione Estero-ripartizione America Meridionale, che segnala una serie di “nodi irrisolti dalla Legge di Bilancio  per il 2023” riguardanti “6 milioni di cittadini italiani residenti all’estero”

Premettendo che “la sensibilità politica per gli italiani nel mondo non è mai stata adeguata e attenta da parte di Governi, Parlamento, istituzioni ed opinione pubblica italiani”, Porta parla di una Legge di Bilancio 2023  non adeguata nei riguardi  dei connazionali all’estero, “soprattutto in materia di diritti socio-previdenziali, fiscali, assistenziali e sanitari”, sebbene essi siano “portatori di legittimi diritti, interessi ed aspettative sociali , economici e politici”. In tal modo, per il deputato si “perpetuano e alimentano situazioni di disparità di trattamento e di ingiustizia”

Il deputato del Pd precisa portando degli esempi e chiede: “Perché gli italiani all’estero proprietari di immobili in Italia devono pagare la tassa – la Tari – sui rifiuti che non producono? Perché devono pagare il Canone Rai per programmi televisivi che non guardano? Perché i residenti all’estero i quali pagano le tasse in Italia (e sono molti, sia pensionati che lavoratori) e sono quindi contribuenti italiani a tutti gli effetti, non hanno diritto all’Assegno unico universale, alle detrazioni per figli a carico e all’ANF per figli a carico solo perché risiedono all’estero? E gli indebiti pensionistici? Pensate che su oltre 300.000 pensioni erogate all’estero quasi 100.000 (cifre rese note dall’Inps) sono coinvolte in una procedura di ripetizione degli indebiti non per dolo dei pensionati”. Osserva l’on. Porta che ricorda come su quest’ultimo punto non sia mai arrivata una sanatoria.

Porta ricorda anche che “Opzione donna – il pensionamento anticipato che poteva essere fruito anche dalle donne emigrate – è stato praticamente vincolato alla residenza in Italia” e che  “Quota 103, altro pensionamento anticipato, non può essere fruito dai residenti all’estro perché subordinato alla cessazione del rapporto di lavoro”. Inoltre, spiega , “proprio alcuni giorni fa ho dato la notizia che l’Agenzia delle Entrate ha iniziato ad inviare avvisi di accertamento a migliaia di lavoratori italiani i quali hanno lavorato all’estero ma non si sono iscritti all’Aire (fenomeno -osserva – sempre più diffuso e che richiederebbe una riflessione seria e approfondita sui motivi per i quali molti giovani emigrati evitano di iscriversi all’Anagrafe degli italiani all’estero!) ed ora rischiano di essere soggetti a doppia imposizione fiscale”.

Eppure, “il problema della doppia imposizione che penalizza migliaia di nostri connazionali (residenti sia in Europa che in Paesi extracomunitari) potrebbe essere ovviato con alcuni semplici interventi convenzionali, legislativi e/o amministrativi”, sottolinea Porta. commentando che “sono anni che proponiamo”  ma “purtroppo anche in questa Legge di Bilancio il problema non viene neanche menzionato”.

Per il parlamentare della circoscrizione Estero “sarebbe stato utile ed opportuno prevedere nella Legge di Bilancio forme di sostegno sociale, occupazionale ed economico per gli emigrati , soprattutto giovani, che rientrano in Italia dopo un periodo di lavoro all’estero e i quali si trovano in una situazione di disagio economico: migliaia di giovani sfortunati i quali non hanno diritto nemmeno al reddito di cittadinanza” .

Infine , l’on. Porta fa notare nella legge finanziaria “sono stati previsti tagli per oltre 50 milioni di euro annui al programma del MAECI “Italiani nel mondo”. Questo comporta “il rischio che vengano compromessi i servizi consolari di assistenza economica e sanitaria, e quindi ridotti i sussidi che vengono erogati ai cittadini italiani iscritti all’Aire che si trovino in una situazione di comprovata esigenza e quelli per coloro i quali necessitino di assistenza sanitaria”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform