direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Fabio Porta: Bene il ministro Mogherini sulla riduzione delle spese del Mae e la disponibilità a trovare nuove strade per garantire i servizi ai nostri connazionali all’estero

ITALIANI ALL’ESTERO

Il presidente del Comitato permanente sugli Italiani nel Mondo della Camera dei deputati interviene nel corso dell’audizione del ministro degli Esteri

Positiva la rinnovata attenzione all’America Latina e la preoccupazione per la crisi in Venezuela

ROMA – Intervenendo nel corso dell’audizione del ministro degli Affari Esteri Federica Mogherini alle Commissioni riunite di Camera e Senato, il deputato Fabio Porta (Pd) ha apprezzato “l’atteggiamento di dialogo con il Parlamento e l’intenzione del ministro di utilizzare un ‘metodo diverso da quello utilizzato finora’ in relazione alla riorganizzazione della rete diplomatico-consolare all’estero.”

“Questo processo, come già sottolineato dal senatore Tonini nel corso della prima parte dell’audizione, contiene luci ed ombre: ad un condivisibile riorientamento della rete consolare dall’Europa al resto del mondo non sembra infatti corrispondere un parallelo impegno nel mantenimento dei servizi ai connazionali di vecchie e nuova emigrazione; analogamente non capiamo perché il rapporto aperture/chiusure continua ad essere sbilanciato a favore di queste ultime, quando ci si aspetterebbe un sostanziale equilibrio tra i due processi.”

“Mentre apprezziamo i ‘due passi indietro’ fatti dal ministero degli Esteri sulle ventilate chiusure dei due importanti Istituti di cultura di Stoccarda e Lione, chiederemmo al ministro di fare ‘qualche passo in avanti’ in alcune direzioni: 1) Revisione (di concerto con il Parlamento) dei criteri della spending review applicati alla rete diplomatico-consolare, con esclusione dai tagli degli Istituti di cultura; 2) Azione (anche qui concordata con le due Camere) sul fronte delle entrate, a partire dal recupero di una parte importante degli introiti consolari e dall’introduzione di contributi sui servizi: risorse da re-investire nel rafforzamento della rete e nel miglioramento degli interventi a favore dei nostri connazionali; 3) Individuazione di nuovi strumenti per migliorare e rendere più capillare il servizio alle nostre collettività, a partire dalla stipula della convenzione attesa da anni tra il Mae e i patronati”.

Positivo, secondo Porta, deputato eletto all’estero nella ripartizione dell’America Meridionale, anche “il nuovo atteggiamento di questo governo e del ministro degli Esteri sul rilancio della politica estera dell’Italia verso i Paesi dell’America Latina”.

“Ho apprezzato il riferimento del ministro a quest’area del mondo, tanto importante e strategica per l’Italia, e non solo per la presenza di grandissime collettività di origine italiana; in questo contesto la recente conferma di Donato Di Santo a coordinatore delle Conferenze Italia-America Latina e l’attivo lavoro svolto in questi mesi dal sottosegretario Giro confermano un’attenzione non casuale ma qualificata e destinata a consolidarsi nel tempo”.

Infine, il Venezuela. Secondo il parlamentare del Pd “bene ha fatto il ministro a chiamare per consultazioni l’ambasciatore italiano in Venezuela; positiva anche la presenza in questi giorni a Caracas e l’impegno del nostro governo per favorire il dialogo pacifico tra le parti, anche sostenendo lo sforzo diplomatico in atto da parte delle organizzazioni dei paesi latino-americani e dell’Unasur. Con questa stessa prospettiva di impegno – ha annunciato Porta – mi recherò la prossima settimana in Venezuela insieme ai colleghi parlamentari eletti in Sudamerica e successivamente proporrò alle Commissioni Esteri della Camera e del Senato un’apposita audizione con il governo e l’approvazione di una risoluzione che sostenga e dia continuità a questo sforzo parlamentare e di governo a favore del dialogo tra le parti e del rafforzamento del nostro rapporto con la grande collettività italiana ivi residente e con il Venezuela a tutti i livelli”

Fabio Porta ha infine dichiarato, a fine seduta, di ritenere importanti le parole contenute nella replica del ministro Mogherini e soprattutto il suo annuncio di voler procedere speditamente ad una revisione dell’ISE (indennità del personale diplomatico all’estero) sulla base di parametri europei per giungere ad un risparmio complessivo di 108 milioni di euro in tre anni, così come richiesto dal Parlamento. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform