direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Emma Bonino: Siria, l’Italia non interverrà senza mandato Onu

GOVERNO
Oggi le comunicazioni del ministro degli Esteri al Parlamento
Emma Bonino: Siria, l’Italia non interverrà senza mandato Onu
Egitto: “Altri giorni dolorosi ma non si tornerà al 2011. La Ue ha fallito la mediazione ma non è stata lenta o assente” .“Rischio terrorismo oltre i confini del Nord Africa”

ROMA – “L’Italia non prenderebbe parte a soluzioni militari al di fuori di un mandato del Consiglio di sicurezza dell’Onu”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Emma Bonino alle Commissioni Esteri, in seduta congiunta, di Camera e Senato in una comunicazione sui recenti sviluppi della situazione in Siria ed Egitto. Per l’Italia un mandato del Consiglio di sicurezza dell’Onu è “l’unico quadro di riferimento giuridico” per un intervento militare contro la Siria, ha spiegato il ministro.
Bonino ha riferito anche che “gli elementi indiziari che abbiamo puntano a rafforzare l’ipotesi che siano state le forze siriane a far un uso massiccio di agenti chimici letali, in particolare il sarin”’, che è “’il più letale” ha aggiunto la titolare della Farnesina ,sottolineando che “l’uso di armi chimiche caratterizzato da sistematicità e consapevolezza contro i civili è un crimine di guerra ai sensi dello Statuto della Corte penale internazionale”.
In ogni caso, il ministro Bonino ha ribadito che “non c’è soluzione militare al conflitto siriano”. “Prediamo atto” dell’annullamento da parte degli Usa della riunione preparatoria di Ginevra 2, e “’ne capiamo le ragioni”, ma “siamo convinti che la soluzione negoziata è la sola sostenibile: per questo rimane valido l’impegno verso Ginevra 2, o come si chiamerà”, ha aggiunto Emma Bonino.
Riguardo alla situazione in Egitto, il ministro ha detto che “non è pensabile un puro e semplice ritorno al passato”. “Avremo davanti forse altri giorni ancor più dolorosi ma – ha aggiunto – non si può pensare che si possa tornare al 2011, perché il risveglio della popolazione egiziana è stato reale”.
“Temo che voler sradicare la Fratellanza significa spingere alcuni di loro su posizioni estremistiche, e anche la formazione di gruppi terroristici, che non si limiterebbero a vivere in Egitto o in Nord Africa ma che avrebbero ampia capacità di movimento”, è l’allarme lanciato da Bonino.
Prima delle stragi nelle piazze del Cairo, “per una volta, come volevamo tutti, l’Europa ha parlato con una voce sola. Ma quella mediazione è fallita. Ed è duro ammetterlo, più duro che se fosse stata lenta o assente” ha detto il ministro degli Esteri. (Inform)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform