direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Elia Liut, un pioniere dell’aviazione sulle Ande”

EVENTI

Il 4 novembre webinar organizzato dall’IILA-Organizzazione Internazionale Italo-Latino Americana in collaborazione con l’Ambasciata dell’Ecuador in Italia

ROMA – Il 4 novembre 2020 si commemorano i 100 anni dell’impresa del primo volo aereo effettuato sulle Ande ecuadoriane (il Telégrafo 1), compiuto dal pilota italiano Elia Liut nel 1920. Questo audace pilota è il protagonista della biografia romanzata “Un as de alto vuelo” del prestigioso scrittore e poeta ecuadoriano Luis Zúñiga. L’opera è un omaggio letterario a quella storica impresa e svela al lettore la vita del pilota e combattente della Prima Guerra Mondiale. La rotta aerea da lui percorsa, tra avventure, azzardi e decisioni temerarie, lo portò a una destinazione a cui lui stesso non avrebbe mai immaginato di arrivare. Luis Zúñiga interverrà al webinar “Elia Liut, un pioniere dell’aviazione sulle Ande” che l’Organizzazione Internazionale Italo-Latino Americana – IILA in collaborazione con l’Ambasciata dell’Ecuador in Italia organizzano per mercoledì 4 novembre, alle 16 ora italiana Al webinar parteciperanno: Antonella Cavallari, segretario generale IILA; Caterina Bertolini, ambasciatrice d’Italia in Ecuador; Nelson Robelly, ambasciatore dell’Ecuador in Italia; Paolo Varriale, storico militare; Giovanni Follador, direttore del Museo Aeronautico del Friuli Venezia Giulia; Basilio Di Martino, generale ispettore capo, Aeronautica Militare. Modererà  Rosa Jijón, segretaria culturale IILA. Alla realizzazione dell’evento collabora l’ufficio Relazioni Internazionali e Affari Europei della Rai.

Le origini dell’aviazione ecuadoriana, ricorda l’IILA, risalgono al periodo compreso tra il 1910 e il 1925, quando emergono le imprese dei primi pionieri. La presenza di piloti italiani, o discendenti d’italiani, come Cosme Renella, Elia Liut e, più avanti, Pedro Traversari (di padre italiano), è un fatto particolare che, spiega l’IILA dà origine alla generazione dei primi giovani ecuadoriani formati e addestrati come piloti in Italia e, allo stesso tempo, alla fondazione della prima Scuola di Aviazione ecuadoriana, che anni più tardi sarebbe diventata la Fuerza Aérea Ecuatoriana (F.A.E.).

Questa manifestazione di cooperazione Italia-Ecuador, nell’ambito dell’aviazione, e la ricorrenza del primo volo transandino, coincidono con la Giornata delle Forze Armate in Italia, in ricordo della firma dell’armistizio che pose fine alla Prima Guerra Mondiale (4 novembre 1918). (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform