direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ecoweek 2020, conferenza dell’architetto Maria Carmela Frate

ARCHITETTURA E AMBIENTE

Oggi in streaming. Evento organizzato con il sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura di Tel Aviv e la  collaborazione di EUNICIsraele

TEL AVIV – Il Gruppo EUNIC degli Istituti nazionali culturali dell’Unione Europea in Israele partecipa all’edizione online di Ecoweek 2020 con due tavole rotonde che vedranno la partecipazione di esperti di 7 Paesi. Tra gli ospiti, l’italiana Maria Carmela Frate, architetto specializzato nei campi del restauro dei beni architettonici monumentali e del recupero del patrimonio architettonico con valenza storica, interverrà con una conferenza sulla sostenibilità nell’edificato esistente. La conferenza, che si svolgerà in lingua inglese, si tiene in streaming  oggi e ha come titolo “Il paradigma della sostenibilità tra riqualificazione edilizia e restauro del moderno”.

L’architettura è una delle principali attività responsabili delle trasformazioni del territorio, pertanto le sue azioni devono includere necessariamente obiettivi di sostenibilità ambientale tesi al miglioramento del contesto. Disambiguando il termine “sostenibilità”, le prime operazioni da prendere in considerazione sono il riuso e la rifunzionalizzazione dell’edificato esistente perché, con la sua energia incorporata, ha già fatto uso di risorse incidendo sull’ambiente.

Dando per scontato l’approccio sui beni culturali, anche quelli del Movimento Moderno, teso alla loro salvaguardia e conservazione in quanto testimonianza identitaria, sullo stock di edifici costruiti velocemente nel secondo dopoguerra (già in stato di degrado tecnologico) vanno contemplate azioni di recupero, di riqualificazione e di trasformazione secondo il criterio sostenibile “reduce-reuse-recycle”. Per questi edifici, quasi mai testimonianza culturale di qualità, una strada da percorrere è la “metamorfosi”, ossia la trasformazione della loro configurazione architettonica (in maniera da attribuire nuovi valori all’esistente) utilizzando strategie di riduzione della incidenza ambientale.

L’intervento si svolge in inglese e sarà seguito da un dibattito moderato da Elias Messinas, fondatore e presidente di Ecoweek.

Evento organizzato da Ecoweek con il sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura di Tel Aviv e la  collaborazione di EUNIC

Maria Carmela Frate (1959), architetto, allieva di Nicola Pagliara, si è laureata all’Università Federico II di Napoli nel 1985, dove ha conseguito anche il dottorato in architettura nel 2017, dalla cui ricerca è nato un libro sulla sostenibilità in architettura. Si occupa prevalentemente di progettazione e direzione dei lavori nel campo del restauro dei beni architettonici monumentali e nel campo del recupero del patrimonio architettonico con valenza storica. È stata componente del Gruppo Tecnico Scientifico regionale per la redazione delle Linee-guida per la progettazione nel centro storico di Nocera Umbra (Pg) danneggiato dal sisma del 1997 ed anche membro di comitati consultivi per il territorio. Ha organizzato, coordinato corsi di formazione e aggiornamento post-laurea per architetti ed ingegneri sulle questioni bioclimatiche ed energetiche inerenti al restauro e svolto attività di didattica presso l’Università di Perugia. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni, tra le quali: Restauro Conservativo e tutela ambientale (a cura di), con Flavia Trivella, Dario Flaccovio editore, Palermo 2012; Il restauro del patrimonio storico (a cura di), Dario Flaccovio editore, Palermo 2010; Capitolato speciale di appalto per lavori di recupero conservazione restauro, Dario Flaccovio editore, Palermo 2009. Ha partecipato a diversi progetti europei sotto Horizon 2020, tra cui il progetto BIMMOIS.

ECOWEEK è un’organizzazione senza scopo di lucro fondata nel 2005 con la missione di aumentare la consapevolezza ambientale. Attiva in 17 paesi con una rete in 56 paesi, crea piattaforme per avviare il cambiamento nei quartieri e nelle e città e responsabilizzare i giovani professionisti, attraverso conferenze internazionali e laboratori con l’obiettivo di modificare le consuetudini delle persone e promuovere i principi della sostenibilità sociale e ambientale attraverso il design. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform