direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Diplomazia pubblica e promozione integrata dell’Italia negli USA al centro della riunione del “Sistema Italia” all’Ambasciata d’Italia a Washington

RETE DIPLOMATICA

 

Washington – “E’ nel quadro della forte partnership tra Italia e Stati Uniti, la cui centralità è stata riaffermata dalla presidente Meloni e dal presidente Biden in questi giorni, che dobbiamo impostare insieme l’azione di promozione integrata e di diplomazia pubblica in questo Paese”. Così l’ambasciatrice Mariangela Zappia ha aperto la riunione di sistema del 2022 a Washington.

All’incontro, cui hanno partecipato i consoli, i direttori degli Istituti di Cultura e dell’ICE, gli attaché di Banca d’Italia, gli addetti scientifici e tutti gli altri rappresentanti del Sistema Italia negli USA, sono intervenuti in video collegamento l’ambasciatore Pasquale Terracciano, direttore generale per la diplomazia pubblica e culturale della Farnesina e la min. plen. Cecilia Piccioni, direttore centrale per la promozione integrata e l’innovazione della stessa amministrazione.

“Dobbiamo promuovere la nostra storia, cultura, lingua e tradizione ma puntare anche sull’Italia moderna e innovativa in tutti i settori e sulla nostra leadership in materia di sostenibilità” ha evidenziato l’ambasciatrice Zappia, valorizzando a titolo di esempio il nuovo Centro innovazione e cultura di San Francisco e la candidatura di Roma all’Esposizione universale del 2030.

“Nella nostra attività assume un rilievo centrale la diplomazia pubblica e in particolare la comunicazione, di cui è  necessario un mainstreaming in tutte le nostre iniziative” ha altresì rilevato l’ambasciatrice.

“Valorizzare all’estero il soft power dell’Italia, puntando sulla nostra arte, cultura e sul nostro inestimabile patrimonio, è la missione centrale della Direzione Generale per la Diplomazia pubblica e culturale”, ha segnalato l’ambasciatore Terracciano. “Gli Stati Uniti rappresentano un terreno particolarmente fertile da questo punto di vista, in virtù dell’intensità delle relazioni bilaterali e della forte domanda di Italia che riscontriamo.”

“Gli USA sono per noi un partner di riferimento non solo nei settori tradizionali dell’arte, moda e design, ma anche in quelli più innovativi, quali ricerca scientifica e lo spazio, centrali per il rafforzamento della nostra competitività” ha evidenziato la min. plen. Piccioni, rilevando che “su questi settori punteremo anche nella prossima Commissione mista scientifica Italia-Usa. Un’occasione preziosa per fare il punto sullo stato dei rapporti scientifico-tecnologici bilaterali e approfondirne le potenzialità di ampliamento di raggio di azione”.

La riunione di sistema è proseguita con approfondimenti su: strategie efficaci di diplomazia pubblica, promozione di soft power, cultura e lingua italiana; promozione economico-commerciale, con attenzione ai settori innovativi e di punta nel medio termine; scienza e tecnologia, con un focus sull’osmosi tra ricerca e industria e sulla capacità di fare rete con i ricercatori italiani negli USA.

Sono seguite una riunione dei direttori degli Istituti Italiani di Cultura e degli addetti scientifici e un incontro dei dirigenti scolastici negli USA.

Nella stessa giornata, l’Ambasciata d’Italia ha ospitato la prima riunione negli Stati Uniti del Transatlantic Investment Committee, un foro per la promozione di investimenti tra Italia e USA, e il lancio del chapter di Washington della rete degli alumni dell’Università  LUISS di Roma. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform