direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Dark Matter”, webinar dell’Ambasciata d’Italia a Washington per esplorare il tema della materia oscura

RETE DIPLOMATICA

WASHINGTON – Si è tenuto online l’evento scientifico dedicato all’esplorazione della materia oscura organizzato dall’Ambasciata d’Italia a Washington con alcuni dei maggiori esperti mondiali in questo settore. L’evento “Dark Matter: A Challenging Discovery” s’inserisce nel ricco calendario di appuntamenti organizzati in occasione del 160° anniversario delle relazioni diplomatiche fra Italia e Stati Uniti. Nel corso del dibattito, gli astrofisici presenti hanno condiviso le proprie esperienze nella ricerca della materia oscura, che si ritiene rappresenti circa l’85% della materia nell’universo. Le osservazioni astrofisiche e i calcoli gravitazionali mostrano che senza la materia oscura le galassie si sarebbero allontanate o non si sarebbero formate. Il Global Argon Dark Matter Collaboration (GADMC) è un programma di ricerca congiunto tra Stati Uniti, Italia, Canada e Regno Unito che usa una serie di rivelatori futuri per spingere la sensibilità di rilevamento delle particelle di grande massa debolmente interagenti (WIMP) diversi ordini di grandezza oltre i livelli attuali. Il cuore attuale del programma è il rivelatore bifase DarkSide-20k, attualmente in costruzione presso i laboratori dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) del Gran Sasso, in Italia. Il Vice Capo Missione dell’Ambasciata d’Italia negli Stati Uniti, Maurizio Greganti, e il Dott. Antonio Zoccoli, Presidente dell’INFN, hanno aperto l’evento. La discussione è stata moderata dalla Dott.ssa Julie E. McEnery, Roman Space Telescope Senior Project Scientist presso il NASA Goddard Space Flight Center e Fermi Project Scientist. Sono inoltre intervenuti i seguenti esperti: Elena Aprile (Fisica sperimentale delle particelle, Columbia University), Cristiano Galbiati (Professore di Fisica, Princeton University), Arthur McDonald (Astrofisico, Queen’s University e Premio Nobel per la Fisica 2015). (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform