direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Corridoi di solidarietà UE-Ucraina, la Commissione e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo uniscono le forze per intensificare la connettività dei trasporti

ISTITUZIONI

 

ROMA – Nel corso della conferenza con i principali partner, la Commissione e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo hanno definito i fabbisogni infrastrutturali e le risorse di finanziamento per intensificare la connettività dei trasporti tra l’UE, l’Ucraina e la Moldova nell’ambito dell’iniziativa dell’UE sui corridoi di solidarietà. I miglioramenti possono essere apportati a costi relativamente bassi attuando soluzioni intelligenti e potenziando la cooperazione e il coordinamento tra amministrazioni e partner. I partecipanti alla conferenza hanno inoltre concordato azioni specifiche a breve termine e potenziali finanziamenti a sostegno del flusso di merci da e verso l’Ucraina, nonché di riunirsi regolarmente per monitorare e dare seguito alle misure finanziarie e amministrative. I corridoi di solidarietà hanno fornito una via alternativa indispensabile per le esportazioni e le importazioni ucraine, ma stanno raggiungendo i propri limiti di capacità; le strozzature persistono e i costi logistici rimangono elevati. Per affrontare questi problemi e migliorare ulteriormente i nuovi corridoi logistici, la Commissione, la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, la Banca europea per gli investimenti e la Banca mondiale hanno mobilitato 1 miliardo di euro di sostegno finanziario. Tra i partecipanti alla conferenza di ieri vi erano la Commissaria Vălean, la Presidente della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo Renaud-Basso, il Viceministro ucraino delle Infrastrutture Yuri Vaskov, i Vice primi ministri di Romania e Moldova Grindeanu e Spinu, ma anche altri rappresentanti di alto livello dell’Ucraina, della Repubblica di Moldova, dell’UE e dei suoi Stati membri, della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, della Banca europea per gli investimenti e della Banca mondiale, della Commissione del Danubio e dei principali partner nel settore dei trasporti e della logistica nella regione. Adina Vălean, Commissaria per i Trasporti, ha dichiarato: “I nostri corridoi di solidarietà sono diventati un’ancora di salvezza per l’Ucraina, ma dobbiamo andare oltre quello che abbiamo già messo in atto. Abbiamo bisogno di maggiori investimenti per l’acquisto di scanner e attrezzature di trasbordo e per migliorare le infrastrutture di trasporto. Questo è il motivo per cui oggi stiamo mobilitando le risorse finanziarie dell’UE, in particolare il meccanismo per collegare l’Europa, per le infrastrutture transfrontaliere, e stiamo lavorando a stretto contatto con le istituzioni finanziarie internazionali, come la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo. Vogliamo trovare soluzioni comuni alle sfide future, sostenere i colleghi ucraini e moldavi nelle loro operazioni di trasporto quotidiane e rimuovere le strozzature rimaste alla frontiera UE-Ucraina”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform