direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Colloquio telefonico tra il Ministro Guerini e il Segretario di Stato alla Difesa del Regno Unito Wallace

DIFESA

Cooperazione industriale con il programma Tempest, Mediterraneo allargato, Libia, cooperazione bilaterale. Questi i temi al centro del colloquio

ROMA – “La collaborazione con il Regno Unito è di fondamentale importanza in relazione ai profondi vincoli che legano le nostre nazioni ed ai numerosi interessi strategici condivisi. Credo sia comune l’intento di rafforzare il legame tra i nostri due paesi anche dopo la BREXIT”.

Così il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini nel corso della conversazione telefonica avuta con il Segretario di Stato alla Difesa del Regno Unito Ben Wallace, durante la quale si è ribadita la comune volontà di intensificare ulteriormente la cooperazione bilaterale.

Il colloquio, che segue quello avvenuto lo scorso 27 aprile, è stato l’occasione per un momento di confronto sulla situazione internazionale, sugli effetti della pandemia e delle crescente instabilità a livello globale. Tra i temi discussi dai due Ministri quelli della cooperazione industriale con il programma Tempest, il Mediterraneo allargato, la Libia e la cooperazione bilaterale.

“Nel comparto difesa, la collaborazione tra Italia e UK ha dato frutti importanti” ha detto il Ministro Guerini, che ha parlato di rilievo strategico riguardo alle partnership esistenti tra i rispettivi comparti industriali.

In questo settore l’Italia considera la Gran Bretagna strategica per il futuro delle rispettive industrie della Difesa e Aerospazio, nello sviluppo del programma Tempest e di altri programmi di cooperazione nel settore avionico.

“Il progetto Tempest è una iniziativa di estremo valore strategico e può risultare determinante nel ridefinire a livello europeo e globale i futuri equilibri delle capacità militari e industriali nel settore aerospaziale” ha detto il Ministro spiegando, inoltre, che “è essenziale che la cooperazione tra i nostri Paesi possa fare affidamento su un modello di collaborazione industriale tale da garantire la bilanciata condivisione delle tecnologie e del know-how, quale virtuosa innovazione delle esperienze maturate nell’ambito di altri programmi comuni”.

Per quanto attiene al Mediterraneo allargato, i Ministri hanno convenuto sulla ferma volontà di operare il rispetto del diritto internazionale, mantenendo alta l’attenzione a favore dell’allentamento della tensione e, nel contempo, sulla necessità di alimentare l’interlocuzione con Ankara per la ricerca di soluzioni costruttive, favorendo la politica di dialogo. “L’Italia si sta incessantemente adoperando per facilitare un dialogo costruttivo” ha detto il Ministro Guerini al suo omologo inglese, anche in considerazione della forte collaborazione tra Italia e UK in tal senso.

Visione comune anche in merito alla Libia, che vede tutt’ora l’impegno concreto dell’Italia per un paese pacificato, stabile e sicuro: “abbiamo preso l’impegno di coadiuvare la riorganizzazione delle Forze Armate libiche garantendo supporto nei settori dell’addestramento e della formazione” ha spiegato il Ministro Guerini annunciando che è in programma un incontro con il collega libico per definire meglio i dettagli di un supporto strutturato, indirizzato allo sviluppo capacitivo inclusa la formazione del personale. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform