direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Cinema Italia 2021, il Festival del cinema italiano in Israele

EVENTI

Gli IIC di Tel Aviv ed Haifa presentano l’VIII edizione, che si svolge nell’ambito della Giornata Mondiale del Cinema Italiano

 

TEL AVIV – Nell’ambito della Giornata Mondiale del Cinema Italiano (19 giugno), gli Istituti Italiani di Cultura di Tel Aviv e di Haifa presentano l’VIII edizione di “Cinema Italia”, il Festival del Cinema Italiano in Israele, organizzato in collaborazione con Filmitalia Cinecittà Luce e le cineteche israeliane.

La rassegna, diretta da Ronny Fellus e Dan Muggia in collaborazione con Monica Moscato di Cinecittà Luce – Filmitalia, porterà in Israele il meglio della produzione cinematografica italiana dell’ultimo anno e alcuni capolavori della storia del cinema del Bel Paese.

Ad aprire il Festival sarà l’opera prima “Non odiare” di Mauro Mancini, che racconta senza retorica una storia molto cruda sull’odio e il razzismo che si annidano nelle pieghe della quotidianità. Con “I predatori” il Festival ospiterà anche un altro esordiente, Pietro Castellitto, miglior regista esordiente ai David di Donatello 2021, mentre con  “Volevo nascondermi” si darà spazio all’ultimo lavoro di uno dei registi più profondi del panorama italiano, Giorgio Diritti. Il suo film ha vinto 7 David nel 2021, fra cui quello per il miglior film, per la migliore regia e per il miglior attore protagonista (Elio Germano). Fra gli altri film della sezione contemporanea, “Lasciami andare” di Stefano Mordini, “Lacci” di Daniele Lucchetti, che ripropone in chiave cinematografica l’omonimo romanzo di Domenico Starnone, e il film italiano rivelazione del 2020 “Favolacce” dei F.lli D’Innocenzo, vincitore dell’Orso d’Argento 2020 a Berlino per la migliore sceneggiatura. Completano la sezione il documentario “La verità su La Dolce Vita” di Giuseppe Pedersoli sulla genesi di uno dei capolavori della storia del cinema, “Genitori vs influencer” di Michela Andreozzi e “Assandira” di Salvatore Mereu.

La sezione classica omaggia quest’anno il maestro Ettore Scola con sei straordinari capolavori della sua produzione e anche il cinquantesimo anniversario dell’uscita di “Morte a Venezia” di Luchino Visconti, tutti in versione restaurata.

Tutti i film sono in italiano, con sottotitoli in ebraico ed inglese. La rassegna sarà ospitata nelle Cineteche di Gerusalemme, Haifa, Holon, Herzliya, Sderot, Rosh Pina, Ofakim. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform