direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Chiusura consolati anche nostra responsabilità?”

RETE CONSOLARE
Marco Fedi (Pd) sulle politiche messe in atto dal governo nei confronti degli italiani all’estero
“Chiusura consolati anche nostra responsabilità?”
ROMA – Marco Fedi, deputato eletto per il Pd nella ripartizione Africa, Asia, Oceania e Antartide, richiama il Partito democratico ad una riflessione sulle politiche che l’attuale governo sta mettendo in atto nei confronti degli italiani all’estero.
“Ho condiviso le ragioni dell’unico Governo possibile, il Governo Letta – scrive Fedi, segnalando però come al momento non sia stato affrontato il tema del coordinamento degli interventi sulle questioni che riguardano gli italiani all’estero, coordinamento che egli ritiene “indispensabile in una condizione di eccessiva frammentazione delle responsabilità politiche”. “In un Ministero che già è eccessivamente suddiviso tra centri di spesa e Direzioni generali, lo spacchettamento delle deleghe rappresenta una nuova complicazione per il lavoro di coordinamento – scrive l’esponente democratico richiamando la suddivisione illustrata dal vice ministro agli Esteri, Bruno Archi, in premessa all’audizione di pochi giorni fa al Comitato sugli italiani all’estero e la promozione del Sistema Paese della Camera dei Deputati (vedi Inform del 31 luglio: http://comunicazioneinform.it/laudizione-del-vice-ministro-del-mae-bruno-archi/).
“E non basta parlare di Circoscrizione estero e voto per corrispondenza quando il Ministero degli Esteri lavora al voto elettronico e il Ministero dell’Interno non vuole il voto per corrispondenza – aggiunge il parlamentare, tornando poi sulle chiusure di sedi consolari annunciate da ultimo nell’ambito del piano di riorganizzazione della rete estera del Mae. Chiusure che, qualora formalizzate, rappresenterebbero “una responsabilità politica grave” per il Pd e penalizzerebbero i servizi “privilegiando i costi amministrativi interni della Farnesina non toccati dalla spending review – fa notare Fedi, rilevando come questa volta sarebbe anche del Pd “la firma politica posta sulla decisione di chiudere i consolati”.
“Dopo una legislatura all’opposizione del Governo Berlusconi, dopo anni di pessime scelte politiche, dopo tagli ai capitoli per gli italiani nel mondo, chiusure di Consolati, rinvio su rinvio delle elezioni per il rinnovo degli organismi di rappresentanza, mancanza di proposte e di riforme, il Pdl oggi pare risorgere – scrive l’esponente democratico, che sollecita “una lettura critica” di ciò che sta avvenendo, critica “ancora più importante – rileva – quando la maggioranza di oggi rischia di avere l’unanimità sul nulla, di ratificare scelte politiche gravi, come la chiusura di Consolati, o peggio un’unanime paralisi rispetto ai temi più urgenti per gli italiani nel mondo”. (Inform)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform