direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Canto dopo Canto. Cento disegni di Giovanni Tommasi Ferroni ispirati alla Commedia dantesca”

MOSTRE

A Roma dal 16 dicembre i versi del capolavoro riletti dall’artista toscano in una mostra promossa dalla Società Dante Alighieri e dalla casa editrice Opera con il patrocinio del Ministero della Cultura

ROMA – “Canto dopo canto. Cento disegni di Giovanni Tommasi Ferroni ispirati alla Commedia dantesca” è il titolo della mostra che sarà inaugurata il 16 dicembre a Palazzo Firenze in Roma, sede centrale della Società Dante Alighieri, con il patrocinio del Ministero della Cultura.

L’esposizione, ideata in occasione del 700° della morte del Sommo Poeta in collaborazione con Opera – Società italiana di arte e cultura, ruota attorno all’ultima fatica dell’artista toscano: un corpus di cento tavole grafiche che costituiscono un raro esempio di illustrazione integrale dei cento canti della Commedia.

I disegni di Tommasi Ferroni nascono da un lavoro paziente di ascolto e di riflessione intorno ad alcuni dei passaggi più celebri e significativi del poema e offrono un suggestivo viaggio visivo all’interno della sua complessa trama. Realizzate con tecnica mista su carta Fabriano, le opere appaiono eredi della solida tradizione disegnativa cui idealmente l’autore si volge, riecheggiando fantasie manieriste e sontuosità barocche: un linguaggio stilistico di forte presa che veicola la portata evocativa del “visibile parlare” dantesco.

La mostra, reduce dal successo della sua prima tappa internazionale, presso il museo Khanenko di Kiev, sarà completata dall’esposizione della preziosa pubblicazione stampata da Opera in tiratura limitata, che riproduce fedelmente e a dimensione reale le tavole originali. Concepita come vera e propria opera d’arte in forma di libro, contrassegnata in ogni pagina dalla firma autografa dell’autore, l’edizione è stata realizzata in centosessanta esemplari rilegati in elegante cofanetto ed è stata presentata a Palazzo Firenze lo scorso 6 ottobre con l’intervento dei critici Vittorio Sgarbi e Marco Di Capua.

All’evento di inaugurazione della mostra saranno presenti Alessandro Masi, segretario generale della Società Dante Alighieri, e Fabio Lazzari, direttore artistico di Opera Edizioni.

La mostra rimarrà visitabile fino al 14 gennaio 2022 con i seguenti orari: 10.00 – 13.00; 15.00 – 18.00 (chiusa festivi e prefestivi e nella settimana dal 27 al 31 dicembre). (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform