direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Campagna di solidarietà 2020: Inizia dalla Spezia la nuova stagione di nave Italia

MARINA MILITARE

Protagonisti 6 adolescenti, di età compresa fra i 16 e i 19 anni dello I.A.L. Lombardia

LA SPEZIA – Lo scorso 21 luglio ha preso il via la Campagna di solidarietà 2020 di nave Italia. L’emergenza da COVID-19 ha posticipato questo momento, ma la volontà di garantire la meritoria missione della nave di tutti gli attori coinvolti, unitamente ad un migliorato quadro emergenziale, hanno portato alla stesura di un protocollo sanitario da applicare a bordo per consentire l’imbarco degli utenti. Numeri ridotti per i gruppi, attività svolte quasi esclusivamente all’aria aperta, distanziamento sociale e mascherina, sono alcune delle misure alle quali tutti a bordo dovranno attenersi in questa stagione così diversa dalle altre.

E così, alla presenza dell’ammiraglio Giorgio Lazio, Comandante Marittimo Nord, che ha voluto portare il proprio saluto all’equipaggio ed al primo gruppo della stagione, lo I.A.L. Lombardia di Cremona-Viadana, è ufficialmente iniziata la Campagna di solidarietà 2020, che si protrarrà fino al prossimo autunno. Nave Italia ha così lasciato la base navale di La Spezia per prendere il mare, lasciandosi idealmente alle spalle le ansie e i ricordi che l’intera comunità nazionale ha vissuto per mesi.

Non a caso, il primo dei progetti selezionati, è stato quello denominato “In nave senza Covid”, che ha visto come protagonisti 6 adolescenti, di età compresa fra i 16 e i 19 anni, e 4 accompagnatori, fra educatori e psicologi dello I.A.L. Lombardia, ente che nasce per favorire l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e migliorare la professionalità dei lavoratori attraverso interventi di formazione.

Cinque giorni in mare per vivere un’esperienza unica, pienamente integrati nella vita di bordo, per consolidare autostima e sicurezza riuscendo a superare le piccole grandi sfide che la vita in mare porta con sè. Manovre marinaresche, salita a riva, lezioni di riconoscimento stellare, posto di manovra alle vele, laboratorio di nodi; queste le principali attività svolte grazie alle quali tutti i membri di questo equipaggio allargato hanno imparato a conoscersi e a lavorare insieme, per il raggiungimento di un obiettivo comune, superando le difficoltà e gli ostacoli che si sono presentati nel corso della traversata.

Con il rientro in porto nella base navale di La Spezia e la cerimonia di consegna dei diplomi di “marinaio di nave Italia”, l’imbarco di questo primo gruppo si è concluso. Gli occhi lucidi al momento di lasciare la nave dimostrano, ancora una volta, che l’esperienza ha lasciato il segno e che la terapia dell’avventura vissuta a bordo lascerà in questi giovani un ricordo indelebile che porteranno sempre nel cuore.

Nave Italia, dopo aver salutato lo I.A.L. Lombardia, riprenderà il mare il 4 agosto prossimo con l’imbarco della Fondazione Aquilone Onlus di Milano. (Alfredo Romino/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform