direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Bulgaria: l’Italia alla guida del NATO Enhanced Vigilance Activity Battle Group. Il ministro Guerini alla cerimonia di trasferimento del comando

MINISTERO DIFESA

 

NOVO SELO – “L’assunzione, da parte dell’Italia, della guida del NATO Battle Group Bulgaria, tassello importante della capacità di deterrenza NATO sul Fianco Est, è per il nostro Paese una responsabilità di grande spessore nell’ambito dell’Alleanza Atlantica, riconoscimento delle qualità delle nostre Forze Armate”. Queste le parole del ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, nell’ambito della cerimonia di trasferimento del comando del NATO Enhanced Vigilance Activity Battle Group, di cui l’Italia ha assunto oggi la guida.

“La cerimonia” ha dichiarato il ministro “è simbolo di quella condivisione di responsabilità, a garanzia della libertà, che costituisce la ragion d’essere della NATO. È un passaggio che suggella l’amicizia tra i nostri popoli ed è il fondamento, in prospettiva futura, di un’Europa ancor più coesa e di una sinergia euro-atlantica salda e durevole”.

“Chi cerca il conflitto, la destabilizzazione” ha proseguito il ministro Guerini “troverà la postura dialogante, ma ferma, di quanti, fedeli agli ideali di libertà, non rinunceranno mai a proteggerla, a vigilare. A partire da quelle aree strategiche per il futuro d’Europa come il Fianco Est e il Fianco Sud della NATO, oggi di particolare rilevanza. Noi tutti” ha aggiunto “auspichiamo la pace, crediamo nella pace, lavoriamo per la pace. Il suo mantenimento, tuttavia, non può prescindere da un equilibrio di forze che solo l’Alleanza Atlantica può garantire”.

La cerimonia di trasferimento del comando, svoltasi in presenza del comandante supremo delle Forze alleate in Europa, generale Christopher G. Cavoli, del capo di Stato Maggiore della Difesa, ammiraglio Cavo Dragone, e del comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze, generale di Corpo d’Armata Figliuolo, ha anche costituito l’opportunità per un incontro bilaterale con il presidente della Repubblica di Bulgaria, Rumen Radev, e con il ministro bulgaro della Difesa, Dimitar Stoyanov. In questo contesto, il ministro Guerini ha sottolineato “la forte volontà di sviluppare un percorso di collaborazione bilaterale con la Bulgaria, complementare al comune impegno in organizzazioni quali l’Unione Europea e la NATO e nel quadro dell’impegno condiviso per la stabilità e la sicurezza dell’Europa”, aggiungendo che “la percezione condivisa delle sfide alla sicurezza attribuisce alle nostre relazioni una importanza ancora più elevata, soprattutto in questo periodo particolarmente difficile, di progressivo degrado del tessuto di sicurezza, provocato dall’ingiustificabile aggressione voluta da Putin alla sovranità ucraina”.

La visita estera del ministro Guerini proseguein Niger, dove le Forze Armate italiane sono impegnate in una delicata missione volta a fornire un contributo alla stabilità e alla sicurezza del Sahel, area di grande rilevanza strategica. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform