direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Bosnia Letteraria”, incontro in Ambasciata d’Italia a Sarajevo fra i partecipanti italiani del viaggio, l’ambasciatore Nicola Minasi e lo scrittore bosniaco Berislav Blagojević

VIAGGI LETTERARI

Bosnia ed Erzegovina prima tappa delle peregrinazioni letterarie verso le “periferie d’Europa”, promosse dalla casa editrice Stilo

SARAJEVO – “Bosnia Letteraria”; dal 16 al 23 giugno  si è tenuto il primo viaggio organizzato dalla Stilo, casa editrice di Bari, che ha scelto la Bosnia ed Erzegovina come prima tappa delle sue peregrinazioni letterarie verso le “periferie d’Europa”. L’idea è nata, spiegano dalla casa editrice, dal desiderio di promuovere un modo di viaggiare che non si limiti a condurre il ‘viandante’ attraverso le bellezze storico-artistiche di un paese, ma ne sveli il volto più intimo e personale attraverso lo sguardo dei suoi poeti e scrittori: accanto alle più consuete mappe e guide turistiche, a tracciare l’itinerario di viaggio saranno, infatti, le parole di chi lo ha spesso descritto rendendolo scenario delle proprie narrazioni. Il viaggio ha attraversato il territorio bosniaco affiancando alle mete più classiche, quali Mostar e Sarajevo, località minori ma dal forte valore storico-culturale e si è valso, lungo il suo percorso, della presenza di scrittori ed esponenti della scena letteraria contemporanea bosniaca.

Tra questi, Berislav Blagojević, fra le voci più interessanti degli ultimi anni  e autore di “Più silenzioso dell’acqua”, romanzo  in italiano da Danilo Capasso e pubblicato dalla Stilo  nel 2018 per per il progetto “Voices form European peripheries, Literature, lost and rediscovered identity”. Il progetto della Stilo, vincitore del Bando per le Traduzioni letterarie di Europa creativa, consta della traduzione di sei opere scritte da autori provenienti da Bosnia-Erzegovina, Serbia, Georgia, Cipro, Norvegia e Turchia e si propone, attraverso la loro diffusione, di promuovere in Italia la questione della ricerca di identità, in tutte le sue sfaccettature. Anche se differenti per lingua, contenuto e stile, le opere, che nei rispettivi paesi hanno già ottenuto importanti riconoscimenti a livello nazionale e internazionale, hanno un filo conduttore comune: sono voci dalle periferie europee, parlano di memoria, di identità perdute e ritrovate, di guerra e immigrazione, di passato e futuro.

Il 21 giugno presso l’Ambasciata italiana di Sarajevo si è tenuto un incontro fra i partecipanti italiani del viaggio “Bosnia letteraria”, l’ambasciatore Nicola Minasi e lo scrittore Berislav Blagojević. Il viaggio letterario in Bosnia ed Erzegovina è stato organizzato con l’intento di condurre i lettori italiani nei luoghi in cui è ambientata la narrazione del romanzo bosniaco di Blagojević per promuovere la conoscenza della Bosnia ed Erzegovina attraverso lo sguardo “letterario” dei suoi scrittori e poeti. L’incontro tra i partecipanti al viaggio, l’ambasciatore e l’autore ha ruotato attorno all’attuale panorama letterario e culturale della Bosnia ed Erzegovina, agli scrittori bosniaci oggi più conosciuti e tradotti in Italia, alla tradizione di legami culturali e storici tra il nostro Paese e la Bosnia ed Erzegovina, all’attuale impegno dell’ambasciata per promuovere e incentivare gli scambi culturali e la conoscenza tra i due Paesi.  (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform