direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Bonino a Londra: Donne in politica, vita difficile in tutto il mondo

ESTERI

Bonino a Londra: Donne in politica, vita difficile in tutto il mondo

 

LONDRA – Immigrazione, donne e politica, datagate. Il ministro degli Esteri Emma Bonino a tutto campo in una lunga intervista alla Bbc nell’ambito di ‘100 donne’, una giornata di discussione e confronto sulle sfide presenti e future cui hanno preso parte appunto 100 rappresentanti, provenienti da tutto il mondo, individuate per loro caratteristiche e impegno in vari settori.

Donne in politica, vita difficile in tutto il mondo

“In qualsiasi parte del mondo le donne in politica non hanno vita facile”, ha sottolineato il ministro – che a Londra ha avuto una colazione di lavoro con il collega britannico Hague – aggiungendo che in Italia sono stati fatti progressi, ma resta ancora molta strada da fare. A questo proposito, ha ringraziato la collega Cecile Kyenge, ministro dell’Integrazione, che è “molto coraggiosa” e “sta cambiando l’Italia”, “pagando un alto prezzo” e “venendo insultata ogni giorno”.

Datagate: importante reazione unica Ue

Passando all’attualità, sul Datagate, ad esempio, il ministro ha sottolineato l’importanza che i 28 Paesi dell’Ue “abbiano reagito con una voce sola, chiedendo sia fatta chiarezza”. Poi ha puntualizzato che “dalle informazioni che abbiamo non risulta un coinvolgimento italiano”. Il Ministro ha quindi confermato che il tema è stato toccato con il segretario di Stato Usa John Kerry, durante la sua visita a Roma. Kerry ”riconosce il problema e ha riferito che il presidente Obama è determinato ad affrontarlo”, ha puntualizzato.

Immigrazione: Europa abbia responsabilità comune

Sull’immigrazione, nessuno ha ”una soluzione miracolosa” ma la costa sud dell’Europa deve essere di ”responsabilità comune” da parte degli Stati Ue.

Omicidio italiano in Gb: drammi teppismo ovunque

Il violento episodio che ha portato alla morte di Joele Leotta, massacrato di botte in Inghilterra, è uno di quei “drammatici comportamenti di teppismo che esistono ovunque non solo in Italia”, ha detto poi il ministro all’Ansa. “Ci sia di insegnamento – ha detto ancora auspicando una rapida soluzione del caso – questo tipo di atteggiamenti non sono limitati solo a certi luoghi”.(Inform)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform