direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Bergamaschi nel mondo, il presidente della Provincia Matteo Rossi incontra il presidente del circolo di Bruxelles Mauro Rota

ITALIANI ALL’ESTERO

 

BERGAMO – Il presidente della Provincia di Bergamo Matteo Rossi ha ricevuto nei giorni scorsi il presidente del circolo Bergamaschi nel mondo di Bruxelles Mauro Rota accompagnato dalla moglie Silvana Scandella.

La visita – riferiscono dalla Provincia di Bergamo – si inserisce nel percorso di reciproca conoscenza tesa alla promozione del territorio che sta mantenendo la Provincia con l’ente Bergamaschi nel mondo, organizzatore dell’incontro, che coinvolge le numerose realtà dell’emigrazione bergamasca sparsa nei cinque continenti. “I contatti e relazioni con gli esponenti emigrati sono importanti per la comunità bergamasca sia per mantenere vivo il vincolo con l’origine sia per nutrire di nuove conoscenze, sinergie e opportunità il nostro territorio e chi ci abita”, spiega il presidente Matteo Rossi.

Mauro Rota, imprenditore originario di Clusone, è tra i fondatori del circolo di Bruxelles (9 ottobre 2012) che attualmente annovera una cinquantina di soci: “Ci siamo resi conto – ha detto Rota – di rappresentare una cerniera tra l’emigrazione storica e quella degli ultimi anni, della mobilità professionale. Così abbiamo fondato il circolo che rappresenta un laboratorio privilegiato dove convivono le varie anime dell’emigrazione”.L’attività del circolo di Bruxelles è densa di iniziative che hanno luogo in sedi prestigiose. Tra le finalità, come spiegato dal presidente Rota, primeggia la promozione di tutti gli aspetti della vita del territorio bergamasco, con un occhio speciale alla socializzazione e ai temi culturali. Il circolo collabora con il Dlcm Centro di ricerca di risorse in didattica delle lingue-culture e delle migrazioni-mobilità che è stato costituito di recente e ha sede a Onore. Il centro, diretto dalla ricercatrice Silvana Scandella, si avvale di un comitato scientifico composto per metà da esponenti del mondo accademico internazionale e per l’altra metà da referenti della società civile locale. “Proprio perché il nostro obiettivo è favorire la ricaduta di queste attività sul territorio”, ha spiegato Silvana Scandella  Il centro è nato nel 2014 con il primo convegno internazionale dal titolo “Migrazioni e Mobilità. Ieri oggi e domani”, a cui sono susseguiti due interventi di formazione dal nome “Settimane delle Migrazioni-Mobilità”. L’anno scorso si è lavorato con le classi quinte della scuola superiore Fantoni di Clusone che hanno avuto modo di approfondire il tema della mobilità studentesca e della presentazione dell’Altra Italia (la presenza italiana nel mondo).

Quest’anno, il 9 maggio, le classi terze della scuola media di Rovetta affronteranno l’emigrazione storica: 154 anni di storia italiana, ma anche di emigrazione italiana. La programmazione prevede anche conferenze destinate agli adulti (ad esempio sulle dinamiche identitarie: l’italianità e appartenenze multiple di lavoratori italiani in Belgio…). E se tutto quanto non fosse sufficiente, Rota confessa l’obiettivo per il futuro “allestire un museo dedicato agli emigranti a Onore” (Agenda degli eventi del circolo di Bruxelles dei Bergamaschi nel Mondo www.provincia.bergamo.it/provpordocs/Agenda(2).pdf  .(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform