direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Belgio, “Alberi! 30 Frammenti di Storia d’Italia” all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles

MOSTRE

Dal 10 gennaio al 9 febbraio

Il 18 gennaio incontro con i curatori Annalisa Metta e Daniele Zovi e con l’illustratore Guido Scarabottolo

 

BRUXELLES – Raccontare la storia d’Italia attraverso i suoi alberi, il valore testimoniale che custodiscono e la relazione emotiva che questi esseri viventi hanno con le persone. Questo l’obiettivo di “Alberi! 30 Frammenti di Storia d’Italia”, mostra a cura della paesaggista Annalisa Metta, dell’arboricoltore Giovanni Morelli e del divulgatore Daniele Zovi, impreziosita dai disegni dell’illustratore Guido Scarabottolo, organizzata all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles dal 10 gennaio al 9 febbraio 2023.

Una mostra che, come il volume di Marsilio Arte che l’accompagna, utilizza gli alberi per parlare delle storie del nostro Paese attraverso lo sguardo di questi testimoni silenziosi dei frammenti che compongono il poliedrico mosaico della storia d’Italia, recente e passata:La mostra e il volume si compongono di 30 tavole originali realizzate appositamente per la mostra da Guido Scarabottolo, uno dei più noti illustratori italiani, e di 30 storie inedite.

Alberi che sono la nostra autobiografia ma anche parte del polmone della terra, che sanno rigenerarsi e sono un esempio per tutti noi. Sedentari osservatori silenti che con il passare del tempo, seppur immobili, si costruiscono presente e futuro “mangiando” ostacoli e trasformando il paesaggio dove hanno messo radici.

Lungo le 30 tappe del percorso espositivo i visitatori troveranno riparo all’ombra di alberi monumentali e grandi patriarchi che popolano le nostre colline e le nostre montagne da secoli e a volte anche da millenni. Ma non solo. Capiterà loro di imbattersi, sorprendentemente, in fantasiose creazioni dell’ingegno umano. Una passeggiata tra alberi sopravvissuti e sopravviventi, tra alberi che non vogliono saperne di morire e altri che non germoglieranno mai, rimanendo per sempre uguali al momento in cui sono usciti non dalla terra ma da una catena di montaggio. Alberi sempre stati nella nostra penisola e intrusi del nostro paesaggio, venuti da lontano, di recente o in tempi antichissimi.

La mostra sarà visitabile dal 10 gennaio con ingresso libero (per orari si veda iicbruxelles.esteri.it)

Il 18 gennaio alle 19 i curatori Annalisa Metta e Daniele Zovi, insieme al grande illustratore Guido Scarabottolo saranno ospiti  dell’IIC per una serata in cui parleranno dei differenti aspetti della mostra (prenotazione su Eventibrite) .(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform