direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Argentina : intitolata a Paderno del Grappa una piazza di San Fernando del Valle di Catamarca

ITALIANI ALL’ESTERO

Argentina : intitolata a Paderno del Grappa una piazza di San Fernando del Valle di Catamarca

SAN FERNANDO DEL VALLE DI CATAMARCA – Il 25 aprile è stata inaugurata a San Fernando del Valle di Catamarca la piazza intitolata a Paderno del Grappa, cittadina del trevigiano terra di origine di una attiva comunità veneta della provincia argentina di Catamarca. Ne dà notizia Mariano Gazzola, vice presidente del Comitato Associazioni Venete dell’Argentina (Cava) e consigliere CGIE

Alla cerimonia, molto emotiva – riferisce Gazzola – hanno partecipato il sindaco di Paderno del Grappa, Giovanni Bertoni, il governatore della provincia di Catamarca, Lucia Corpacci e il sindaco locale Raul Jalil, nonché rappresentanti della comunità veneta argentina Horacio Zacchia e Renzo Facchin (presidente e consultore regionale del Cava) e Francesco Filippin (presidente Associazione Veneta di Catamarca) nonché numerosi discendenti degli emigrati padernesi.

Il sindaco Bertoni, ricordando che è la prima visita alla provincia di Catamarca si è detto molto contento di essere in questa città e molto riconoscente al Municipio di Catamarca che voluto ommagiare Paderno del Grappa e i suoi emigrati con questa piazza. Anche il Sindaco Jalil ha ringraziato il contributo degli emigrati allo sviluppo della città di Catamarca e certo che questa sarà la prima di una serie di iniziative utile a rinsaldare il legame che unisce alle due comunità.

San Fernando del Valle de Catamarca (spesso chiamata semplicemente Catamarca) è una città dell’Argentina nord-occidentale, capitale della omonima provincia. Situata a 550 metri di altitudine, ha una popolazione di circa 141.000 abitanti, più di 200.000 considerando i sobborghi, e dista 1131 km da Buenos Aires. Fondata nel 1683, il nome Catamarca deriva dalla lingua Quechua e significa “fortezza sul pendio”. La città, che contava soltanto 8.000 abitanti nel 1882 e fu raggiunta dalla ferrovia nel 1888, ma la sua popolazione cresce con l’arrivo della emigrazione italiana, israelita, siria e libanese all’inizio del 1900.

Tra gli emigrati, un consistente gruppo di famiglie di Paderno del Grappa: Andreatta, Basso, Bastianón, Bellincanta, Bellon, Bernardi, Brunello, Canil, Colla, Dal Bon, Dalla Lasta, Filippin, Mososin, Murer, Pauletto, Prevedello, Puglierin, Reginato, Rizzardo, Sartor, Serena, Zanandrea, Manfrotto, Zanandrea, tra altre. Il sindaco Bertoni – riferisce sempre Gazzola – ha ringraziato il Municipio e la comunità veneta locale che hanno permesso di fare realtà il suo sogno di conoscere i discendenti dei concittadini emigrati all’inizio del secolo XX.

A ricordare loro e a testimoniare la volontà di mantenere i legami che uniscono le due terre, nella Piazza Paderno del Grappa, le bandiere argentine e italiane, ma anche – conclude Mariano Gazzola – quella di San Marco e di Catamarca, e le targhe del Cava e del Municipio di Catamarca.(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform