direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Angela Schirò (Pd): Bene i fondi aggiuntivi, decisi al Senato, per i corsi di lingua e cultura nel 2022. Stabilizzare ora la spesa storica per i prossimi anni

ELETTE CIRCOSCRIZIONE ESTERO

 

ROMA – “È sicuramente una buona notizia quella dell’emendamento approvato al Senato, per iniziativa del gruppo del Partito Democratico, con il quale si assicurano finanziamenti aggiuntivi per l’adeguamento retributivo del personale a contratto, per il sostegno ai consolati onorari e, nella misura di 600.000 euro per il 2022, per i corsi di lingua e cultura italiana all’estero. Ringrazio i colleghi senatori Giacobbe e Alfieri, primi firmatari dell’emendamento, che hanno insistito su una giusta esigenza, e la Presidente del gruppo Malpezzi, che ha reso possibile tutto questo”. Così Angela Schirò, deputata del Pd eletta nella circoscrizione Estero-ripartizione Europa.

“Poiché – prosegue la deputata –  nel lavoro di squadra che come eletti all’estero del Pd abbiamo fatto, insieme al responsabile del Pd per gli italiani all’estero, Luciano Vecchi, mi sono ancora una volta spesa per un intervento a sostegno dei corsi di lingua e cultura italiana, mi preme sottolineare che la somma aggiuntiva di 600.000 euro per il 2022 è un positivo passo in avanti per il settore, che in un momento di transizione, può beneficiare dunque di un respiro ulteriore.

Si tratterà ora di continuare a lavorare nella stessa direzione affinché anche negli anni successivi – 2023 e 2024 – non sia messa in discussione la spesa storica in questo settore, una spesa che negli ultimi anni si è attestata costantemente oltre i 14 milioni di euro.

Fino al 2022 questo livello è stato assicurato in virtù di un mio emendamento triennale che ha permesso un’integrazione di circa 2,2 milioni di euro. Si tratterà ora di garantire una prospettiva rassicurante per questo intervento strategico per l’Italia che sta attraversando una delicata transizione organizzativa e normativa dalla quale, con avvedutezza e senso di responsabilità, bisognerà fare scaturire un nuovo equilibrio che rassicuri famiglie, studenti, operatori ed enti promotori”, conclude l’on. Schirò. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform