direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Anche a Belgrado la prima del film di Ermanno Olmi “Torneranno i prati”

APPUNTAMENTI

L’IIC partecipa questa sera all’iniziativa promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Maeci per ricordare i 100 anni trascorsi dalla Prima guerra mondiale

 

BELGRADO – Nella sala della nuova Cineteca Jugoslava di Belgrado, l’Istituto Italiano di Cultura organizzerà, in anteprima nazionale serba, questa sera alle ore 21 la proiezione del film di Ermanno Olmi “Torneranno i prati”, in coincidenza con la ricorrenza dell’armistizio di Villa Giusti del 4 novembre 1918, che pose fine, per l’Italia, alla Prima Guerra Mondiale.

La proiezione avverrà in contemporanea con quella organizzata al Quirinale, alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana, e con quella di altre cento città del mondo, sedi di rappresentanze culturali (85 Istituti Italiani di Cultura) o diplomatiche italiane, con proiezioni estese ai contingenti di pace italiani in varie parti del mondo.

L’iniziativa è stata promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Maeci con la collaborazione di RAI Cinema.

“In questo semestre di presidenza italiana del Consiglio dell’Unione Europea, questa è un’occasione importante per riflettere sui valori della pace, della democrazia, della solidarietà, del rispetto dei diritti umani, che stanno alla base del progetto dell’Europa unita – afferma Sira Miori, direttrice dell’IIC di Belgrado, ricordando il “progetto comune, pensato e sviluppato, dopo i massacri della Seconda guerra mondiale, grazie all’impegno, al coraggio e alla lungimiranza dei Padri fondatori  dell’Unione Europea – l’italiano Alcide De Gasperi, il francese Robert Schuman e il tedesco Konrad Adenauer – che ha assicurato ai cittadini dei Paesi membri quasi settant’anni senza guerre”.

Il film sarà presentato in lingua originale italiana, con sottotitoli in lingua serba, a cura dell’Istituto Italiano di Cultura a Belgrado. L’entrata è libera fino a esaurimento dei posti. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform