direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A “Voci dalla Farnesina”, l’ambasciatore d’Italia in Argentina Giuseppe Manzo illustra le opportunità economiche per le imprese italiane in loco

INTERNAZIONALIZZAZIONE

 

“Dalla soia ai vigneti, dai macchinari al cinema: le opportunità in un Paese grande nove volte l’Italia”

 

ROMA – Al podcast “Voci dalla Farnesina”, realizzato in collaborazione con l’agenzia Ansa, l’ambasciatore d’Italia in Argentina Giuseppe Manzo illustra le opportunità economiche per le imprese italiane in loco, che costituiscono una presenza già consolidata e sono coinvolte ora in un riposizionamento anche alla luce degli effetti prodotti dalla pandemia. Manzo ricorda come la storia della presenza dell’Italia in Argentina, e quella economica in particolare, sia una lunga storia: “ci sono oltre 250 imprese italiane in Argentina e alcune sono qui da più di 100 anni, come Fiat, Pirelli, Branca, ma anche Eni, Generali, Ferrero… Questa storia di un passato straordinario – rileva l’Ambasciatore, – insieme ad un rapporto ancora oggi unico con un Paese che ospita la più grande collettività italiana nel mondo, con più di un milione di persone, attira molte nostre aziende in cerca di un’opportunità”. Il futuro, infatti, “offre molte occasioni e molte imprese italiane si stanno già posizionando, cercando di trasformare la grave crisi in corso in una opportunità di crescita”. “Futuro in Argentina – prosegue Manzo, – vuol dire industria agricola e della trasformazione alimentare, quella che va dalla pampa del Paese, secondo produttore di soia al mondo, ai suoi vigneti, dalle enormi riserve di legno della Terra del Fuoco alle coltivazioni ortofrutticole del Nord, di un Paese che è grande nove volte l’Italia. L’industria della terra qui in Argentina produce tanta domanda di macchinari per l’agroindustria e le imprese italiane sono pronte per cogliere questa occasione”. “Futuro inoltre vuol dire anche energia; qui vi sono il secondo giacimento di shale oil e il quarto di shale gas più grandi al mondo; il governo punta sulle rinnovabili ed esiste un enorme potenziale. Anche quest’anno – prosegue l’Ambasciatore – sono stati tanti gli investimenti di imprese italiane che costruiscono parchi a energia solare e centrali a bio-massa, pronte a lavorare le enormi riserve di litio argentino per trasformarlo in batterie verdi e imprese che competono per progetti nei settori dei fertilizzanti. Futuro vuol dire anche produzioni cinematografiche, settore in cui l’industria italiana trova molte opportunità”. Manzo segnala inoltre che la rete consolare italiana mette a disposizione delle imprese interessate ad investire in Argentina uno strumento unico: “l’Italia en 24”, che mette in contatto le imprese direttamente con governi o operatori delle 24 province argentine, alcune grandi quanto l’Italia. Per maggior informazioni, invita i connazionali a contattare l’Ambasciata attraverso i suoi canali social. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform