direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A “Uno Mattina”, il presidente Andrea Riccardi sul ruolo dell’Italia nel mondo

SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI

 

La simpatia che riscuote il nostro Paese è legata al messaggio umanistico trasmesso da lingua e cultura italiana

 

ROMA – Intervistato alla vigilia del Dantedì, il presidente della Società Dante Alighieri Andrea Riccardi spiega di aver lanciato nei giorni scorsi un appello “ai soci della Dante Alighieri nel mondo e a tutti perché credo che l’Italia ora ha bisogno di sostegno non tanto nel rilanciare, ma nel ricomprendere la propria immagine nel mondo”. “L’Italia ha un’immagine essenzialmente culturale e lingua e cultura sono molto legate. L’Italia non ha un ruolo egemonico nel mondo, non è un paese che fa paura: nelle scuole della Dante, nei nostri oltre 400 Comitati nel mondo, abbiamo constatato che c’è una simpatia nei nostri confronti, un’attrazione per l’Italia che è dovuta al suo messaggio umanistico – afferma Riccardi.

“Poiché siamo chiusi in casa, questa – prosegue il Presidente della Dante – può essere un’occasione per riscoprire la dimensione culturale della nostra vita, per leggere, riprendere in mano i libri, approfondire alcuni temi, sviluppare quella dimensione culturale che tante volte nella fretta quotidiana lasciamo cadere. E la Dante mette a disposizione tutto quello che abbiamo in rete a questo scopo, come l’Enciclopedia infinita, una modalità di approfondimento via web che è anche un’espressione del nostro impegno alla divulgazione della cultura italiana. Perché siamo convinti che più cultura e più italiano nel mondo costruiscono più ponti tra i popoli, oltre che una dimensione diversa della vita – afferma Riccardi, che ricorda come l’ultimo congresso della Dante, svoltosi lo scorso luglio a Buenos Aires, fosse proprio incentrato sul tema “l’italiano che unisce”, sulla “dimensione internazionale e mondiale” della nostra lingua e cultura.

Infine, a proposito della giornata dedicata al Sommo Poeta – le cui celebrazioni si sono svolte online il 25 marzo, – egli ribadisce come “la nostra terra è piena di giacimenti culturali e Dante e la Divina Commedia rappresentano un monumento di lingua e di cultura, in cui c’è tutto, dall’astronomia alla teologia, dalla filosofia alla memoria, in una grande fusione di poesia”. “Dante per noi vuol dire l’Italia, l’Italia di tutti, della storia, della profondità culturale, che nutre la vita ed è profondamente attuale – conclude il Presidente della Dante. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform