direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A “l’Italia con Voi”, il presidente di Simest Pasquale Salzano illustra l’attività di sostegno alle aziende italiane interessate alla proiezione sui mercati esteri

INTERNAZIONALIZZAZIONE

 

Numerosi gli interventi per il sostegno all’export, con un’attenzione particolare alle piccole e medie imprese

 

ROMA – A “l’Italia con voi”, Donatella Scipioni intervista il presidente di Simest Pasquale Salzano, sull’attività di sostegno alle aziende italiane interessate alla proiezione sui mercati esteri.

In primo luogo, Salzano spiega che “Simest è una società finanziaria del gruppo Cassa Depositi e Prestiti e si occupa di accompagnare le nostre imprese, soprattutto le piccole e medie imprese, nel loro processo di internazionalizzazione”. L’aiuto consiste sia in “finanziamenti agevolati, che in credito all’esportazione”. Inoltre è prevista la possibilità di ingresso nel capitale delle piccole e medie imprese: “con un capitale che noi definiamo paziente, cioè – spiega Salzano – un ingresso fino a 40 milioni di euro per un periodo massimo di 8 anni, senza entrare nella governance delle imprese, restando quindi al massimo al 49%”. “Le aziende che si rivolgono a noi sono aziende che hanno bisogno di finanziamenti agevolati, finanziamenti – spiega il Presidente di Simest – che possono essere anche una semplice iniezione di liquidità o patrimonializzazione, oppure possono coprire  l’apertura di sedi all’estero, per aziende che hanno bisogno di espandersi anche con la creazione di sedi, uffici, corner all’interno di centri commerciali”. Tra le misure di sostegno vi sono poi quelle indirizzate alla” partecipazione a fiere internazionali o per l’avvio di una piattaforma di e-commerce”. “Puntiamo moltissimo sulla digitalizzazione, o sosteniamo la presenza all’interno di un’azienda un temporary export manager o di un temporary digital manager. Siamo un paese di grandi esportatori e non possiamo perdere le posizioni faticosamente acquisite in questi anni – aggiunge Salzano, che è stato in passato anche ambasciatore d’Italia in Qatar, esperienza che giudica particolarmente utile anche per la sua nuova funzione.

“La prima indicazione per l’esportazione viene dalle imprese stesse, però poi è necessario uno studio di fattibilità e di contesto per capire se quelle indicazioni e quell’esigenza possa essere considerata realistica e positiva e se ci sono quelle condizioni che consentono il successo dell’investimento – spiega ancora Salzano, che richiama anche l’importanza del sostengo offerto alle aziende dal patto per l’export, lanciato dalla Farnesina a giugno, e rileva come “su circa 2 miliardi di euro messi a disposizione dal governo italiano, 1 miliardo e 3 circa è stato destinato ai fondi finanziati da Simest; anche in questo periodo di grande difficoltà abbiamo ricevuto circa 13 mila domande dalle nostre imprese, per un ammontare di circa 4 miliardi di euro”.

Infine, i propositi per il nuovo anno: “cercheremo di qualificare ancora di più questa nostra presenza al fianco delle imprese, non soltanto indicando la strada ma con la nostra presenza, la consulenza e la visione insieme con le aziende – conclude Salzano. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform