direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

A Belgrado l’esibizione del fagottista italiano Giorgio Mandolesi con la pianista Nataša Šarčević

APPUNTAMENTI

Questa sera all’IIC un concerto nell’ambito della V edizione dell’ArtLink – Festival dei giovani talenti

BELGRADO – L’Istituto Italiano di Cultura di Belgrado ospita questa sera alle ore 19 la seconda esibizione del fagottista italiano Giorgio Mandolesi promossa nell’ambito della V edizione dell’ArtLink Festival dei giovani talenti intitolata “Nel ritmo della classica”.

Mandolesi suonerà insieme alla pianista Nataša Šarčević.

Giorgio Mandolesi, primo fagotto solista dell’Orchestre de Paris, diplomato al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma nel 1991, si è perfezionato in fagotto barocco e classico con maestri quali Daniele Damiano, Alberto Grazzi e Milan Turkovic. Ha iniziato la sua attività musicale come primo fagotto dell’Orchestra Giovanile Italiana, dell’Orchestra Giovanile della Comunità Europea e dell’Orchestra Giovanile “Gustav Mahler”. Dal 1995 al 2002 ha suonato come primo fagotto nelle orchestre dei maggiori teatri italiani, dalla Fenice di Venezia al Teatro “Pierluigi da Palestrina” di Cagliari al Teatro “Carlo Felice” di Genova. Nel 2003 si è trasferito a Parigi per suonare in qualità di primo fagotto supersolista nella prestigiosa Orchestre de Paris.

Nataša Šarčević ha iniziato i suoi studi alla Scuola di Musica “Stevan Mokranjac” e alla Facoltà di Arti Musicali dell’Università di Belgrado, dove, all’ultimo anno di corso, le è stato assegnato il Premio “Olga Mihailović” come miglior talento della sua generazione. Ha quindi seguito corsi di perfezionamento alla Hochschule für Musik und Darstellende Kunst di Francoforte e al Royal College di Londra. Nataša Šarčević si è esibita in moltissimi Paesi europei, in Russia, negli Stati Uniti e in Brasile e ha suonato anche con le maggiori orchestre sinfoniche serbe. Diversi suoi concerti sono stati trasmessi dalla televisione in Lettonia, in Serbia e in Slovenia. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform