direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

X Seminario dell’Emigrazione Italiana in Minas Gerais, la testimonianza dei rappresentanti della Camera di Commercio e di AVSI Brasile

ITALIANI ALL’ESTERO

 

 MINAS GERAIS – Alla X edizione del Seminario dell’Emigrazione Italiana a Minas Gerais in Brasile l’intervento di Valentino Rizzioli, Presidente della Camera di Commercio Italia-Brasile (MG), che ha parlato dei rapporti economici e commerciali tra Minas e Italia. Dove il Brasile è leader come produzione ed esportazione? “Zucchero, caffè, succhi, legno ma anche minerali e prodotti siderurgici”, ha spiegato Rizzioli soffermandosi sui rapporti di interscambio commerciali con l’Italia. Quali sono i prodotti italiani esportati in Minas Gerais? “Quelli automobilistici e macchine per l’alta tecnologia”, ha aggiunto Rizzioli. Il Presidente della Camera di Commercio ha ricordato i suoi ormai 50 anni di vita in questo Stato brasiliano. Nel 1970 il suo arrivo a Belo Horizonte per iniziare l’attività di produzione di trattori e macchine per lavorare la terra. “Ho trovato un ambiente industriale dominato dall’estrazione minerale, soprattutto ferro, e quindi dalla siderurgia; poi negli anni anche produzione di latte, edilizia e infrastrutture. C’è un sistema universitario molto avanzato contribuendo allo sviluppo dei rapporti anche tra Italia e Minas Gerais”, ha spiegato Rizzioli parlando di un contesto dalle grandi opportunità con un polo produttivo dallo spessore internazionale. Jacopo Sabatiello, Direttore territoriale di AVSI Brasile, organizzazione che nasce in Italia negli anni ’70 per la cooperazione allo sviluppo in Africa e che approda in Brasile solo negli anni ’80. “AVSI arriva a Belo Horizonte nell’82 e comincia a lavorare su progetti di sviluppo urbano che riguardano anche le cosiddette Favelas. Durante gli anni ’80 e ’90 AVSI si sviluppa verso altri territori come Rio de Janeiro. Negli anni 2000 vengono alla luce tre grandi processi: crescita economica brasiliana, introduzione grandi progetti di trasferimento di reddito per ridurre le disuguaglianze, cambiamento politico a livello internazionale del Governo brasiliano per proporsi come attore protagonista e non più come mero ricettore di cooperazione”, ha spiegato Sabatiello ricordando il partenariato nel settore privato iniziato nel 2004 tra AVSI, Governo italiano e FCA a Minas Gerais. “Il coinvolgimento del settore privato ha rappresentato un cambio di paradigma nel processo di integrazione verso la realtà locale”, ha aggiunto Sabatiello ricordando un’altra grande partnership: quella con il gruppo Enel a partire dal 2014. (Simone Sperduto/Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform