direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Voto italiani all’estero, Laura Garavini (Iv): Inversione opzione indebolisce la rappresentanza estera

PARLAMENTARI CIRCOSCRIZIONE ESTERO

 

ROMA – “Il voto degli italiani all’estero va messo in sicurezza. Ma in maniera reale, non sostenendo meccanismi il cui unico risultato sarebbe indebolire la rappresentanza estera. A partire dall’inversione dell’opzione, che persegue esattamente il contrario degli obiettivi per il quali il voto andrebbe riformato. Lo ha detto la senatrice Laura Garavini (circoscrizione Estero-ripartizione Europa), vicepresidente commissione Esteri e vicecapogruppo Italia Viva-Psi, a proposito di quanto dichiarato dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio, in audizione oggi alla Giunta delle elezioni di Montecitorio.

La senatrice prosegue: “Nata con lo scopo di contrastare i brogli elettorali, alla prova dei fatti l’inversione dell’opzione rischia infatti di favorire il controllo del voto”. Per la Garavini “E’ sbagliato avallare questo metodo, che, adottato in due tornate elettorali per il rinnovo degli organi di base, i  Comites, ha dimostrato di non essere efficace e di abbassare la partecipazione. E’opportuno ed urgente riformare il voto degli italiani all’estero, per evitare brogli. Proprio a tale proposito già ad inizio legislatura ho depositato una proposta di legge che prevede l’introduzione di modalità all’avanguardia, come blockchain e QR code, per mettere in sicurezza il voto per corrispondenza”.  Secondo la senatrice l’eventuale introduzione dell’inversione dell’opzione sarebbe una soluzione fuorviante che porterebbe ad ottenere risultati opposti a quelli perseguiti. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform