direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Volge al termine al IV consiliatura del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero. Michele Schiavone: “Consegniamo ai futuri rappresentanti un organismo attivo, vivace e spendibile, utile a favorire l’integrazione nelle istituzioni italiane del nostro mondo di italiani all’estero”

ITALIANI ALL’ESTERO

 

ROMA – Questo fine settimana si svolgeranno le elezioni per rinnovare la parte elettiva del Cgie mentre a seguire il Governo sceglierà la parte dei Consiglieri di nomina governativa.

La IV consiliatura del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (CGIE) volge al termine e nel riavvolgere i fotogrammi degli ultimi sei anni, durante i quali le Consigliere e i Consiglieri sono stati impegnati a rappresentare le comunità italiane nel mondo recependo le istanze e le proposte provenienti dai vari territori, molte immagini focalizzano momenti straordinari, che hanno caratterizzato l’azione politica, sociale, culturale e in particolare gli interventi di carattere sanitario e umanitario sostenuti assieme ai Com.It.Es., alle Associazioni italiane ed altre Enti e organizzazioni durante la pandemia e ancora, in questo ultimo mese, da quando è scoppiata la guerra in Ucraina. Memorabili restano alcuni tasselli del mosaico della rappresentanza intermedia che hanno cambiato il corso della storia delle comunità italiane all’estero e tra questi: il seminario dei giovani riunitasi a Palermo, l’Assemblea plenaria della Conferenza Stato-Regioni-Province Autonome-CGIE e l’avvio dei tavoli preparatori al Turismo delle radici che nel 2024 favorirà il rientro in Italia di milioni di nostri connazionali. Importante resta il dialogo persistente con il Parlamento italiano ed alcune istituzioni transnazionali, molto utile in questa fase di ripresa e resilienza a rafforzare le prospettive di rinnovamento dei rapporti tra il nostro Paese e gli italiani nel mondo. Solo negli ultimi 2 anni il CGIE ha organizzato oltre 300 videoconferenze per affrontare e risolvere le emergenze interloquendo spesso con i parlamentari e con i rappresentanti ministeriali.

In rappresentanza del CGIE desidero ringraziare tutti i nostri Consiglieri per il lavoro svolto e per aver contribuito a fare del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero un organismo di rappresentanza riconosciuto e riconoscibile, soprattutto tra le nostre Comunità, consolidando questo ruolo con un dialogo continuo con i numerosi Comites, con le Associazioni, con gli Enti assieme all’articolata rete diplomatico-consolare e alle organizzazioni presenti in prima linea all’estero. Gettate le fondamenta servirà una reale governance per favorire politiche attive e un’accresciuta attenzione per i diversi interventi a sostegno di una cittadinanza compiuta di chi vive all’estero.

Consegniamo ai futuri rappresentanti un organismo attivo, vivace e spendibile, utile a favorire l’integrazione nelle istituzioni italiane del nostro mondo di italiani all’estero. (Michele Schiavone*/Inform)

*Segretario Generale del Cgie

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform