direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Visita in Indonesia del presidente della Repubblica Mattarella : Italia impegnata in un profondo rinnovamento

QUIRINALE

 

 

Il capo dello Stato all’Istituto Lemhannas di Jakarta: “Italia e Indonesia, Ue e Asean possono fare molto per contribuire all’affermazione di regole eque e rispettose. Impariamo a lavorare sempre più insieme”. Incontri con personalità italiane e indonesiane rappresentanti del mondo degli affari e della cultura

 

JAKARTA – Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, accompagnato dal ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi è in visita di Stato nella Repubblica di Indonesia. Al suo arrivo a Jakarta è stato accolto dal vice ministro degli Affari Esteri, Abdurrahman Fachir e dall’ambasciatore d’Italia a Jakarta, Federico Failla.

Primo impegno l’intervento del capo dello Stato al National Resilience Institute (Lemhannas), istituto preposto alla formazione dell’elite governativa, economica e militare dell’Indonesia fondato nel 1965. “L’Expo di Milano ha assunto, per molti, il valore di esempio del profondo rinnovamento in cui l’Italia è impegnata” – ha detto Mattarella -. A partire dal 2012, anche a seguito della crisi economico-finanziaria che ha colpito i Paesi partecipanti all’Euro, sono state impostate ed approvate alcune riforme importanti finalizzate a rendere l’Italia più competitiva. Ricordo alcuni passaggi di questo percorso: la riforma del sistema previdenziale, quella del mercato del lavoro e quella, più recente, della Pubblica Amministrazione. “Dopo quasi tre anni di contrazione, quest’anno il Prodotto interno lordo tornerà a crescere – ha evidenziato ancora il capo dello Stato – Si tratta di una prima inversione di tendenza, che tutte le previsioni vedono confermata anche nel 2016, quando l’Italia – che ricordo è la seconda realtà manifatturiera in Europa – dovrebbe ritornare ad un tasso di crescita intorno all’1,5 per cento. Contemporaneamente, segnali positivi arrivano anche sul fronte dell’occupazione”.

“Insieme, Roma e Jakarta, Unione Europea e Asean, possono fare molto per contribuire all’affermazione di regole eque e rispettose. Attiviamo, allora strumenti di migliore, reciproca conoscenza per imparare a lavorare sempre più insieme”, ha detto inoltre il predente Mattarella nel corso del suo discorso all’ Istituto Lemhannas. “Penso, in questo senso – ha spiegato il presidente -, all’opportunità che potrebbe offrire un più consistente programma di scambi giovanili, di borse di studio a livello universitario e di esperienze professionali condivise fra funzionari pubblici. Penso alla utilità di intensificare l’insegnamento delle rispettive lingue, la condivisione delle rispettive culture, nella consapevolezza che un incremento dei nostri rapporti sarà tanto più possibile quanto più si potrà avvalere dell’alimentazione di una conoscenza reciproca fra società civili e sistemi economici. Penso alla testimonianza preziosa che i leader religiosi indonesiani – e guardo con particolare interesse all’incontro che avrò con loro domani – potrebbero offrire all’Italia, all’Unione Europea, che in questo ultimo periodo hanno dovuto affrontare flussi migratori di proporzioni drammatiche ma potrebbero offrire anche alle zone in cui i conflitti tendono ad incrudelirsi accampando pretesti etnico-religiosi”. “La cultura del dialogo e della tolleranza deve essere sempre coltivata. Esempi positivi, quale quello rappresentato dalla vostra società, possono validamente essere offerti alla riflessione di tutti”, ha aggiunto Mattarella.

Successivamente il presidente Mattarella visitato la Grande Moschea e la Cattedrale di Jakarta. Il capo dello Stato ha quindi avuto una colazione di lavoro con personalità italiane e indonesiane rappresentanti del mondo degli affari e della cultura. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform