direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Vino: il Ministro Lollobrigida, ha recepito le proposte per il futuro del settore in Italia

MINISTERO AGRICOLTURA

 

FRANCIACORTA – “Proprio qui nelle terre del Consorzio Franciacorta, eccellenza del vino, è iniziato un percorso che porterà a un documento finale che prenderà il via dalle proposte che, come Italia, abbiamo sottoposto ai colleghi delle 30 delegazioni e alla OIV e che è stato recepito nelle linee guida che trattano di ambiente, sostenibilità, promozione di un prodotto di qualità, lavoro e rispetto dei diritti. Nelle conclusioni tenute dal direttore generale dell’OIV Luigi Moio, questi temi sono stati pienamente recepiti e anche negli interventi dei colleghi che hanno raccontato l’esperienza dei loro territori il forte legame culturale che c’è con questo prodotto e nell’evoluzione storica dell’Organizzazione internazionale della Vigna e del Vino”. Così il ministro dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida al termine dei lavori della Conferenza Internazionale del Vino che si è svolta in Franciacorta. Oggetto della ministeriale, le strategie di sostenibilità vitivinicola, per il futuro del settore vino, gli approfondimenti sulla biodiversità viticola, per individuare e favorire la diffusione di quelle varietà che possano meglio rispondere ai cambiamenti climatici, il potenziamento del mercato dell’uva e degli altri prodotti trasformati della vite e l’attività di promozione del patrimonio vitivinicolo mondiale e dei suoi aspetti storici, culturali, umani, sociali e ambientali. “Nel corso della ministeriale si è ribadita anche la corretta formula per utilizzare un prodotto a base alcolica che è basata sulla moderazione, la qualità del prodotto e il giusto valore anche in termini di filiera, dagli agricoltori, agli enologi, ai produttori, agli imprenditori fino a coloro che lo distribuiscono, anche con le dovute accortezze di trasparenza nei confronti di chi deve essere messo in condizione di riconoscere i prodotti di eccellenza”, ha concluso il ministro. (inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform