direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Videomessaggio del Presidente Fico per l’evento ‘Grazie Nilde’ organizzato in occasione del centenario della nascita di Nilde Iotti

CAMERA DEI DEPUTATI

ROMA – “Dobbiamo dire grazie a Nilde Iotti perché tutto il suo percorso è stato posto al servizio del Paese: da staffetta partigiana, da componente, a soli venticinque anni, dell’Assemblea Costituente, da dirigente del Partito comunista, da deputata nelle prime legislature repubblicane, e quindi da Presidente della Camera”. Parole del Presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, nel suo videomessaggio per l’evento Grazie Nilde, organizzato in occasione del centenario della nascita.

“Attraverso tutti questi passaggi –  ha proseguito Fico – ha contribuito con coraggio alla riconquista della libertà e della democrazia, alla scrittura in prima persona della Carta costituzionale, alla sua concreta attuazione e declinazione nelle aule parlamentari e nel Paese.

Dobbiamo poi dirle grazie perché ha concorso – con la sua umanità e con il suo esempio – a consolidare l’autorevolezza del Parlamento e, in generale, la dignità delle Istituzioni. E ancora grazie per il suo impegno costante per la promozione dei diritti e delle libertà fondamentali, soprattutto con riferimento alla parità tra uomini e donne. Già in seno all’Assemblea costituente chiese – nella relazione che presentò sulla famiglia – di riconoscere l’eguaglianza giuridica dei coniugi, l’equiparazione dei figli illegittimi a quelli nati all’interno del matrimonio e chiese il pieno riconoscimento da parte dello Stato della funzione sociale della maternità. Principi ed istituti che oggi sembrano scontati ma che non erano affatto pacifici in un contesto politico ancora prettamente maschile e, per certi tratti, patriarcale. Contribuì poi non soltanto a richiamare l’esigenza di accrescere la rappresentanza delle donne in Parlamento ma anche di garantirne l’accesso alla magistratura e a tutti gli impieghi pubblici.

Come Presidente della Camera diresse l’Assemblea con autorevolezza, imparzialità ed equilibrio che ancora oggi costituiscono un monito ed un esempio per chi, come me, ha avuto l’onore di rivestire quella carica. Si ispirò costantemente all’idea che il Parlamento deve dibattere in modo approfondito, garantendo le prerogative di tutti i gruppi e quelle dei singoli parlamentari, ma che deve al tempo stesso essere in grado di addivenire ad una decisione adeguata e in tempi adeguati a fronte dei bisogni e delle istanze sociali ed economiche. Seppe riaffermare – in anni in cui il Paese era attraversato da violenza e conflitti sociali e politici – la centralità del Parlamento in quanto luogo privilegiato di confronto di idee e culture, capace di operare perciò la sintesi avanzata tra interessi e idee diversi.

Mi piace ricordare a questo riguardo una frase emblematica della sua visione delle Istituzioni e del suo approccio da deputata e presidente: ‘Ho imparato che fare politica significa sforzarsi di capire le ragioni degli altri’. Questo invito al dialogo, al confronto e soprattutto alla sintesi avanzata tra le posizioni più lontane, per perseguire l’interesse comune, è quanto mai prezioso in un momento come quello attuale.

Attraversiamo sicuramente una delle fasi più difficili della storia della nostra Repubblica. La pandemia ha generato – e purtroppo continuerà a generare – un profondo e spesso drammatico impatto sociale ed economico, oltre che strettamente sanitario. Possiamo superare questo momento grave – come il presidente Mattarella ha più volte sottolineato – attraverso condivisione e unità di intenti. Deve esserci, in altre parole, un filo comune che lega l’azione di tutti: istituzioni, società civile, attori economici e sociali che devono agire come ‘comunità’.

E il Parlamento deve in questo contesto assumere decisioni tempestive e lungimiranti all’altezza della difficoltà del momento e delle aspettative dei cittadini. Come ci ha insegnato, appunto, Nilde Iotti”, ha concluso Roberto Fico. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform