direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Viaggio nell’Italia contemporanea: società ed economia

EVENTI

L’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo presenta il ciclo di film e conferenze GOETHE+200

 

AMBURGO – Cosa vedrebbe Goethe se visitasse l’Italia in questi anni? Come descriverebbe la società italiana ai suoi conterranei? Con il progetto Goethe+200 l’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo ci invita a ripercorrere le principali tappe del “Viaggio in Italia” di Johann Wolfgang Goethe, duecento anni dopo la sua prima edizione, per riscoprire il paesaggio geografico, sociale, culturale, politico e antropologico del “Paese dove fioriscono i limoni”. Attraverso un ciclo di film e conferenze verranno trattati temi come quello relativo all’Italia multiculturale, si affronterà il tema dei giovani alle prese con la ricerca di lavoro ma si racconterà anche delle imprese che vogliono investire in Italia; si parlerà dei cambiamenti politici e di quelli sociali attraverso i nuovi mezzi di comunicazione ed  infine, del meridione, della sua storia e delle sue potenzialità.

Il viaggio si articola in cinque tappe: Venezia, Firenze, Roma, Napoli e la Sicilia, scenario di cinque film italiani di recente produzione, che saranno a loro volta spunto per un approfondimento sulla società contemporanea italiana.

A Venezia è ambientato il film di Andrea Segre Io sono Li, che verrà proiettato il 25.5.16 e narra la storia di una ragazza cinese che si trasferisce da Roma nella città lagunare per lavorare in un bar. La storia di Li è una delle tante storie di immigrazione italiana: come si sta preparando l’Italia al futuro multiculturale?Vinicio Ongini, esperto di integrazione degli alunni stranieri nelle scuole italiane presso il Ministero dell’Istruzione ne parlerà con  Andreas Heintze, direttore del dipartimento per il sostegno alla formazione della città di Amburgo il giorno 3.6.16 presso la Camera di Commercio di Amburgo.

Firenze è il teatro della divertente commedia di Giambattista Avellino C’è chi dice no! (proiezione il 22.6.16): le difficoltà lavorative di tre ragazzi alle prese con raccomandazioni e sopraffazioni. Il lavoro è oggetto di una grande riforma in Italia, che ci verrà raccontata dall’avvocato del lavoro Mario Prudentinoil giorno 24.6.16.

A Roma hanno sede il Governo e il Parlamento italiano: con la politica romana si scontra la giovane Caterina, protagonista del film di Paolo Virzì Caterina va in città, la cui proiezione sarà  invece il giorno 13.10.16) La storica Simona Colarizi il giorno 17.10.16 parlerà della storia politica della Repubblica italiana degli ultimi anni

A Napoli è ambientato il film di Matteo Garrone Reality: la storia di un uomo che vuole entrare nella casa del “Grande Fratello” (10.11.16). Che ruolo hanno i media per la società italiana? Ce ne parla il professorGiorgio Simonelli, docente di Storia della radio e della televisione e di Giornalismo radiofonico e televisivo presso l’Università Cattolica di Milano (14.11.16).

Dopo aver visto la Sicilia, Goethe ha chiamato l’Italia “Il Paese dove fioriscono i limoni”.  La Sicilia sarà anche l’ultima tappa dell’interessante viaggio intrapreso dall’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo. Il film pluripremiato di Giuseppe Tornatore Baaria, che verrá proiettato il giorno 8.12.16 darà lo spunto all’antropologo Vito Teti di raccontare il Sud d’Italia, la sua storia, il suo presente e il suo futuro (12.12.16).

Tutti i film verranno proiettati presso il cinema Metropolis di Amburgo e tutte le conferenze avranno luogo, con traduzione simultanea in tedesco, presso la Camera di Commercio di Amburgo

Una manifestazione organizzata dall’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo, Mercurio Deutsch-Italienische Wirtschaftsvereinigung e.V., Aprile Consulting GmbH, e il Metropolis Kino di Amburgo, con il contributo della Camera di Commercio di Amburgo. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform