direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Uno, nessuno e centomila”: VI edizione del concorso internazionale

CULTURA

Bando per l’anno scolastico 2022/2023 promosso da Associazione culturale “Uno Nessuno e Centomila”, in collaborazione con Miur e Maeci, Comune di Agrigento, Fondazione Teatro Luigi Pirandello

Rivolto alle scuole secondarie di secondo grado italiane, statali e paritarie, alle scuole italiane nel mondo di pari grado, alle sezioni italiane o ai corsi di italiano delle scuole straniere e internazionali all’estero e ai corsi di lingua italiana delle scuole straniere in Italia. Domande di partecipazione fino al 29 gennaio 2023

 

AGRIGENTO -Al via la VI edizione del concorso internazionale “Uno, nessuno e centomila”,  rivolto alle scuole secondarie di secondo grado italiane, statali e paritarie, alle scuole italiane nel mondo di pari grado, alle sezioni italiane o ai corsi di italiano delle scuole straniere e internazionali all’estero e ai corsi di lingua italiana delle scuole straniere in Italia.

Il concorso è promosso dall’Associazione culturale “Uno Nessuno e Centomila”, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca , il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il Comune di Agrigento, la Fondazione Teatro Luigi Pirandello, il Distretto Turistico “Valle dei Templi”, l’Associazione “Strada degli Scrittori”, l’Accademia di Belle Arti Michelangelo. Il bando della VI edizione si chiuderà il 29 gennaio 2023.

Il concorso internazionale “Uno, nessuno e centomila” è una manifestazione culturale che dal 2017 si svolge ogni anno per una settimana ad Agrigento, città natale di Luigi Pirandello, grande drammaturgo e Premio Nobel per la Letteratura. Ha lo scopo di sottolineare il valore culturale dell’opera pirandelliana, parabola della condizione esistenziale dell’uomo. La manifestazione, sin dal lancio del bando, intende offrire spunti di riflessione sul complessivo significato dell’opera dell’autore attraverso il Teatro, ed è riconosciuta quale strumento di diffusione della cultura italiana nel mondo.

Il tema del concorso intende offrire spunti di riflessione sul complessivo significato dell’opera di Luigi Pirandello attraverso il Teatro, quale strumento pedagogico in grado di incidere profondamente sulla crescita cognitiva ed emotiva della persona.

Ogni anno partecipano, infatti, centinaia di studenti da ogni continente.

La cerimonia di premiazione si svolge al Teatro Luigi Pirandello che, nelle sue sale interne (la Sala Rosa, il Foyer), accoglie gli studenti per partecipare a laboratori teatrali e alle attività di confronto e dibattito, moderati da letterati, registi, autori di testi teatrali.

La giuria di selezione dei lavori è di volta in volta costituita da illustri studiosi, critici teatrali, rappresentanti degli Istituti Italiani di Cultura, oltreché pirandellisti, scrittori, editori e note personalità del mondo del Teatro.

Sin dalla pubblicazione del bando, le scuole (le scuole secondarie di secondo grado italiane, statali e paritarie, scuole italiane nel mondo di pari grado, le Sezioni italiane o i Corsi di Italiano delle scuole straniere e internazionali all’estero e i corsi di Lingua Italiana delle scuole straniere in Italia) sono stimolate all’approfondimento dell’opera di Luigi Pirandello, e impegnate a trasformare una novella pirandelliana in un breve testo teatrale, da portare in scena ad Agrigento.

Nel corso della loro permanenza gli studenti visitano i luoghi pirandelliani (oltre al Teatro Luigi Pirandello, la Casa Natale, e tutti i siti descritti nei romanzi e ancora visitabili, come la Biblioteca Lucchesiana, la Cattedrale di San Gerlando e la Torre Campanaria, la Chiesa di Santa Maria dei Greci e il sottostante Tempio di Atena o di Zeus Atabirios, la Pinacoteca del Collegio dei Filippini, la Chiesa di San Pietro, e dall’esterno osservano la casa in cui l’autore visse in città con la famiglia, in via Pirandello, quindi la Chiesa di San Lorenzo, oggi Polo Culturale San Lorenzo), e naturalmente il Museo Archeologico regionale “Pietro Griffo” e la Valle dei Templi.

I luoghi Pirandelliani, in particolare quelli della sua giovinezza e la casa in cui nacque, sono indissolubilmente legati alla sua poetica.

Con Pirandello è possibile attraversare tutto il Novecento con la crisi della società piccolo-borghese e le quotidiane difficoltà dei più fragili, i minatori, i contadini, che passano sotto la lente di ingrandimento di uno degli scrittori più noti del panorama mondiale.

Pirandello è molto amato ancora oggi all’estero, come testimonia la grande partecipazione di studenti di ogni continente, ogni anno, e anche gli innumerevoli studi che vengono pubblicati nel mondo sulla sua opera.

Pirandello, peraltro è molto siciliano, rimane tale fino alla fine, profondamente legato alle sue radici, alla sua storia familiare, e all’educazione impartitagli tra le viuzze del centro storico di Agrigento.

Riesce a far svoltare la storia del teatro e dà inizio al teatro del Novecento come oggi viene inteso, nella sua “forma”.

I programmi delle attività e dei laboratori svolti dai ragazzi con i loro docenti sono focalizzati sullo studio dell’opera pirandelliana e in particolare sul teatro, dando vita ad una serie di riflessioni che inducono a reinventare e scardinare personaggi, storie e perfino a cambiare il finale, con libere interpretazioni che spesso stupiscono per genialità e che probabilmente sarebbero piaciute anche allo scrittore, per la capacità che esprimono di osare, di andare oltre, ma anche di rispettare il senso profondo dell’opera pirandelliana nel tentare di rispondere alle grandi domande dell’umanità.

Ogni anno sono presenti per almeno 6-7 giorni ad Agrigento circa 400 studenti e docenti che accedono ai Beni culturali, che studiano i luoghi pirandelliani avvertendone il legame profondo con l’autore e la sua opera.

I vincitori vengono resi noti nel corso della cerimonia di premiazione, che si svolge in primavera.

(Bando su www.concorsounonessunoecentomila.it  . Ulteriori informazioni e notizie sono veicolate attraverso un sito web con continui aggiornamenti e notizie, sui canali social Instagram, YouTube, Facebook, Twitter e attraverso comunicati stampa e con una app dedicata, che richiede la registrazione). (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform