direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Un pensiero da pensare insieme tra Italia e Spagna”

CULTURA

Autori, artisti e intellettuali italiani riflettono sulle affinità tra la cultura italiana e quella spagnola durante il confinamento. Un progetto audiovisivo dell’Istituto Italiano di Cultura di Madrid

MADRID – Lo scorso 20 aprile l’Istituto Italiano di Cultura di Madrid ha lanciato sul proprio sito web e sui propri social un progetto audiovisivo in cui noti autori, artisti e intellettuali italiani riflettono sulle affinità tra la cultura italiana e spagnola prendendo come punto di partenza l’isolamento globale nel quale ci troviamo da varie settimane.

Il progetto è costituto da una serie di video, raccolti dal titolo ‘Un pensiero da pensare insieme tra Italia e Spagna’, #unpensieroIICMadrid nei quali diversi studiosi esprimono le proprie riflessioni dal confinamento obbligato nelle proprie case.

Dopo il lancio delle prime registrazioni si continua ad arricchire il progetto con le riflessioni di altri intellettuali.

Possiamo trarre conclusioni positive dall’isolmento globale che stiamo vivendo ormai da mesi? La scrittrice Caterina Soffici ne è convinta. Per arrivare a questa conclusione mette sul piatto la costante imprevedibilità e controversa realtà che caratterizza le relazioni umane davanti alle avversità, facendo riferimento al contesto in cui viviamo: la solitudine e il confinamento obbligato. Soffici crede che questa complessa situazione avrà degli effetti positivi e produttivi per tutti coloro che usano la creazione per esprimersi e assimilare ciò che succede all’esterno. E la letteratura avrà quella giusta sensibilità per distillare gli elementi positivi senza cadere nella facile distopia, nelle realtà parallele, nella fantascienza e sarà in grado di assimilare i fatti e le sensazioni vissute. Lo spunto di riflessione dello scrittore Franco Michieli è il ricordo di una lontana esperienza giovanile immerso in piena natura. L’inizio della pandemia e l’obbligo di #restareacasa a suo parere è un allontamento dalla libertà, dalla terra e dal mondo ed è proprio questo allontamento la causa dell’incomprensione che sentiamo verso le situazioni apparentemente inaudite che stiamo vivendo; allo stesso tempo è anche il motivo di una mancata conoscenza del modo in cui dovremmo vivere d’ora in poi. La virtualità in cui eravamo immersi prima del confinamento, non solo fisica ma anche e soprattutto esistenziale, per Micheli rappresenta la conferma di un distanziamento dalla natura –e dalla nostra stessa essenza-, tale da renderci incapaci di conoscere il significato delle sue reazioni e dei suoi avvisi. Paradossalmente a suo parere la stessa virtualità che ha sostituito la natura dovrà aprirci gli occhi, dovrà aiutarci ad uscirne e fuggirne. La stessa virtualità dovrà prenderci per mano per rincortrarci con la terra, per imparare di nuovo ad ascoltare il silenzio, la stessa negativa virtualità che dovrà suggerirci come agire in futuro per tornare ad essere liberi. L’artista Monica Biancardi sottolinea la relazione tra la Spagna e il sud Italia e le numerose influenze che si rintracciano nella cultura, nelle tradizioni e, in modo evidente, anche nei dialetti meridionali. Nel mostrarci l’opera realizzata durante questi mesi di isolamento, la rappresentazione delle decisioni frammentate in Europa, l’artista sottolinea ancora una volta come il destino di entrambi i paesi, anche in questa tragica situazione, è di nuovo unito. Marino Sinibaldi, direttore di Rai Radio Tre, ricorda quello che considera il più grande libro mai scritto, il Don Chisciotte. La straordinaria umanità che trasmette il romanzo è, a suo parere, l’antidoto perfetto in questi mesi di confinamento e di solitudine; ed è grazie ai grandi maestri antichi e contemporanei che Sinibaldi pensa con ammirazione alla lingua e alla cultura spagnola. Chiudiamo il nostro progetto “Un pensiero da pensare insieme tra Italia e Spagna. Un progetto video dell’Istituto Italiano di Cultura di Madrid” con le riflessioni di Chiara Montanari, ingegnere, scrittrice e coordinatrice di basi antartiche, affinché ci accompagnino nelle prossime fasi in cui dovremmo continuare a pensare insieme, creare pensieri comuni in Italia, in Spagna e in tutta Europa. Dalla sua esperienza fatta di situazioni estreme vissute nella base Concordia – stazione di ricerca scientifica italo-francese e quarta base permanente situata sull’altipiano antartico a 3300 m di altitudine- considera questa crisi, atipica e demolitrice, una grande opportunità per adattarci a un cambiamento accelerato dove tutto ciò che ci circonda si trasforma e deve essere ricostruito. L’estrema e incerta situazione che stiamo vivendo in qualche modo è simile al piccolo mondo di Concordia. Come affrontiamo e superiamo l’emergenza? Le risposte a questa domanda per Chiara Montanari sono due: possiamo sempre scegliere di superarla con coraggio o con il cuore rotto. E questa possibile dicotomia nella risposta al disastro la porta a una conclusione che apre un fascio di luce in mezzo a tanta oscurità. In base alla sua esperienza, nell’incertezza possiamo prosperare e affrontare il futuro con determinazione.

Le prime registrazioni ricevute sono state quelle di: Nicola Lagioia, Annarosa Buttarelli, Andrea Tarabbia, Giovanni Solimine, Helena Janeczek, Michela Marzano, Daria Bignardi, Stefano Boeri, Adrián Bravi, Pietro Del Soldà, Mauro Covacich, Alessandra Carnaroli, Claudia Durastanti, Leonardo Sangiorgi, Federica Manzon, Gisella Genna, Alcide Pierantozzi,  Giuseppe Catozzella, Massimiliano Tarantino, Giusi Marchetta, Alessandra Sarchi, Cristina Marconi, Clotilde Bertoni, Nadia Terranova, Marta Inversini, Benedetta Marietti, Chiara Lagani, Luigi Nacci, Giorgio Zanchini, Felice Cimatti, Adriano Padua, Ilide Carmignani, Roberto Casarotto, Shaul Bassi,L aura Graziano, Monica Bedana, Cristina Marras, Jacopo La Forgia y Sara Ventroni.

I video sono disponibili sui profili social dell’Istituto Italiano di Cultura di Madrid:

Facebook @IstitutoItalianoDiCulturaDiMadrid, Instagram @iicmadrid, Twitter @iicmadrid, YouTube https://www.youtube.com/channel/UCH_ycIlXYRNNVK4szpG6KxQ e riflettere con noi sulla nostra identità culturale, individuale e collettiva, su quello che accomuna gli italiani e gli spagnoli. Maggiori informazioni: www.iicmadrid.esteri.it. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform