direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ucraina, accolta dal  Ministero del Lavoro la richiesta delle Acli sulle pensioni agli ucraini che hanno lavorato in Italia

ASSOCIAZIONI/PATRONATI

 

 

ROMA – Gli ucraini che hanno lavorato in Italia e che ora sono costretti a rientrare nel nostro Paese potranno continuare a godere della pensione. Lo ha stabilito il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che ha accolto una delle proposte Acli, presentate ufficialmente lo scorso 17 marzo alla Camera dei Deputati.

Un mese fa l’Associazione, il cui Patronato presente stabilmente sul territorio ucraino con l’ufficio di Leopoli, ha chiesto che per l’intera durata dell’emergenza in Ucraina, l’Inps continuasse ad erogare la pensione da espatriati, quella cioè che spetta a chi abbia regolarmente lavorato in Italia e sia poi espatriato in Ucraina, e che si potesse ritirare la pensione presso le Poste Italiane e su altri canali bancari diffusi a livello internazionale.

La pensione di espatrio viene erogata solo a chi decide di rientrare nel proprio Paese di origine: il venire meno della condizione di rimpatrio definitivo, comporta di norma la revoca della prestazione pensionistica. Ma a partire dal 24 febbraio 2022, a causa della guerra, molti cittadini ucraini, titolari di pensione italiana, sono stati costretti a lasciare l’Ucraina per stabilirsi nuovamente in Italia o in altri Stati. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha comunicato all’Inps che “fino a quando non verranno a crearsi le condizioni per un rientro nel Paese in sicurezza, le pensioni già in essere potranno continuare ad essere erogate anche in Paesi diversi dall’Ucraina e in Italia”.

“Le Acli –  dichiara il vicepresidente nazionale Antonio Russo – apprezzano la decisione del Governo italiano di accogliere una delle proposte che l’Associazione ha inviato agli enti governativi affinché il popolo ucraino che fugge dalla guerra possa almeno continuare a contare su un diritto acquisito nel nostro Paese”.

Paolo Ricotti, presidente nazionale del Patronato Acli, aggiunge: “Un ringraziamento va all’Inps: “Come Patronato Acli abbiamo letto la realtà e abbiamo chiesto una risposta ad un diritto che veniva meno a causa della guerra: apprezziamo la concretezza con cui Inps si è prontamente attivata per dare una risposta concreta e necessaria nella drammaticità umana e sociale di un popolo. Le Acli auspicano che si possa dare presto seguito anche a tutte le altre proposte. In particolare, le Acli chiedono che venga riconosciuto un permesso temporaneo di soggiorno a tutti coloro che sono usciti dall’Ucraina anche prima del 24 febbraio; che siano favorite le domande di coesione familiare; che siano prorogati i permessi di soggiorno in essere per i residenti in Italia di 1-2 anni e sia sospesa la scadenza a fine emergenza; che siano ridotte le attese e i termini in materia di cittadinanza italiana; che sia firmata la convenzione di sicurezza sociale fra Italia e Ucraina per permettere la totalizzazione dei contributi italiani con quelli del Paese di provenienza, evitando così il rientro forzato in patria per godere del trattamento pensionistico”. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform