direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Turchia, ad Ankara concerti, conferenze e film organizzati dall’Ambasciata d’Italia

XV SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA

 

 

In collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Istanbul, la Direzione Generale dell’Opera e Balletto di Stato e  l’Università di Ankara

 

ANKARA – Organizzata dall’Ambasciata d’Italia in Ankara con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana ed in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Istanbul, la Direzione Generale dell’Opera e  Balletto di Stato  e  l’Università di Ankara,  la XV edizione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo offre, dal 19 fino al 25 ottobre, un intenso programma culturale grazie all’intervento di importanti relatori e  musicisti. Il tema indicato quest’anno dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale riguarderà  “L’italiano della musica, la musica dell’italiano”.

Nell’ambito della XV edizione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo saranno realizzati concerti, conferenze, proiezioni di film ad Ankara secondo il seguente programma:

Ad aprire la Settimana martedì 20 ottobre, alle ore 11.00,  una  conferenza  a cura della prof.ssa Valeria  Della Valle dell’Università  Sapienza di Roma,  dal titolo “Fascismo e Lingua italiana” presso la Sala del Turco British Association di Ankara, sede dei corsi di lingua italiana organizzati dall’Istituto Italiano di Cultura di Istanbul in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia e la stessa Turco British Association.

A seguire sarà proiettato il documentario “Me ne frego! Il fascismo e la lingua italiana” di Vanni Gandolfo con sottotitoli in turco. La linguista Valeria Della Valle e il regista Vanni Gandolfo documentano e narrano la storia dell’Italia fascista, e la volontà politica di creare una nuova e unica lingua, l’italiano nuovo,  in un paese dove esistono differenti dialetti e il re parla francese. Altro argomento trattato nel documentario è l’introduzione del “voi” rispetto al “lei”. L’ingresso all’evento è libero e gratuito.

Le attività culturali proseguono giovedì 22 ottobre con la conferenza “Un lampeggiar di riso” quando Dante sorride, a cura del prof. Saverio Bellomo dell’Università Ca’ Foscari di Venezia,  presso la Sala  Bayer della Facoltà di Farmacia dell’Università di Ankara. Un’occasione per rileggere alcuni testi danteschi. La conferenza sarà tenuta in italiano.

Giovedì 22 ottobre gli eventi culturali continuano anche la sera con una serata musicale  ad inviti presso la Residenza dell’Ambasciatore d’Italia. L’evento prevede una serie di arie d’opera cantate da artisti italiani e con l’accompagnamento del Quartetto dell’Orchestra Nova Amadeus.

La XV edizione della Settimana della Lingua Italiana nel mondo si conclude venerdì 24 ottobre con un evento di grande risonanza mediatica: la Serata del Bel Canto Italiano e Turco animata dal Quartetto dell’Orchestra Nova Amadeus e dall’Orchestra dell’Opera di Stato di Ankara presso il Teatro dell’Opera di Ankara. Il biglietto d’ingresso è in vendita presso lo Sportello dell’Opera e Balletto di Ankara.

Valeria Della Valle ha insegnato fino al 2014 Linguistica italiana alla Sapienza Università di Roma. Ha pubblicato saggi sugli antichi testi toscani, sulla storia della lessicografia, sulla terminologia dell’arte, sulla lingua della narrativa contemporanea, sui neologismi, sugli aspetti linguistici degli scritti di Pietro Della Valle, di Quintino Sella e di Luigi Einaudi. Ha diretto la terza e ultima edizione del Vocabolario Treccani; con Giovanni Adamo dirige l’Osservatorio neologico della lingua italiana dell’ILIESI (Istituto per il Lessico Intellettuale Europeo e Storia delle Idee del CNR). È socia corrispondente dell’Accademia dell’Arcadia; fa parte del direttivo scientifico del Premio Strega e del Consiglio di amministrazione della Fondazione Bellonci; è membro del comitato scientifico del “Bollettino di italianistica”. Fa parte del consiglio scientifico del PLIDA della Società Dante Alighieri. È autrice, con Giuseppe Patota, di 12 manuali di divulgazione dedicati alla lingua italiana. Ha ideato e scritto il soggetto del documentario Me ne frego! Il fascismo e la lingua italiana, prodotto dall’Istituto Luce Cinecittà, presentato al Festival di Venezia del 2014. 

Saverio Bellomo è professore ordinario di Filologia della letteratura italiana all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ha insegnato nelle Università di Trento e di Roma Tre. Si è occupato principalmente di Dante e in particolare dell’antica esegesi dantesca: ha curato l’edizione critica dei commenti alla Commedia di Jacopo, figlio del poeta, di Guglielmo Maramauro, nobile napoletano amico di Petrarca e Boccaccio, e di Filippo Villani, nipote del più famoso Giovanni. Ha dedicato un volume ai commentatori del poema attivi prima dell’avvento della stampa. È autore di un manuale di filologia e critica dantesca e di un nuovo commento alla Commedia di cui è uscito di recente l’Inferno per l’editore Einaudi. Dirige «L’Alighieri» e fa parte dei comitati scientifici di altre riviste scientifiche e di collane editoriali di italianistica. Saverio Bellomo Venedik Ca’ Foscari Üniversitesi’nde İtalyan Filolojisi Profesörüdür.

Orchestra dell’Opera  e Balletto Statale di Ankara Quartetto dell’Orchestra Nova Amadeus Piano: Davide Dellisanti  Solisti: Raffaella Battistini (soprano), Sim Tokyürek (mezzosoprano), Domenico Menini (tenore), Eralp Kıyıcı (baritono)

L’Associazione Nova Amadeus si è costituita nel 1992 e nel corso degli anni ha organizzato e allestito ovunque nel mondo grandi spettacoli operistici, eventi sinfonici e cameristici sviluppando una larghissima esperienza professionale nelle principali strutture teatrali italiane, attraverso la realizzazione di progetti comprendenti tutte le forme musicali e di spettacolo. Ha promosso tournée in moltissimi Paesi fra cui Australia, Canada, Cina, Corea del Sud, Emirati Arabi, Francia, Germania, Malesia, Pakistan, Singapore, Thailandia, Tunisia, Turchia, Vietnam e Usa. Ha all’attivo numerose registrazioni di CD e di colonne sonore di film dei più noti compositori. Nel corso della sua ultra ventennale attività, ha collaborato con artisti di fama mondiale quali J. Carreras, A. Persichilli, M. Caballet, R. Kabaivanska, K. Ricciarelli, N. Martinucci, S. Bonfadelli, F. Patanè, D. Lucantoni, N. Samale, B. Aprea, M. Rota, C. Palermo, G. Terranova e A. Bocelli. Direttore Artistico dell’Associazione è il M° Giusi Petti.  

Raffaella Battistini – Soprano Nata a Cesena, dopo il conseguimento della Laurea in Economia e Commercio ha iniziato lo studio di canto sotto la guida del Soprano Maria Parazzini, rilevando da subito grandi potenzialità ed una vocalità dalle caratteristiche assai interessanti che le permette di spaziare da Verdi, Puccini, Leoncavallo, Boito e Cilea con grande facilità. Si è perfezionata con il M° Luciano Pavarotti e M° Leone Magiera, approfondendo principalmente lo studio di Opere di Verdi e Puccini. La sua carriera si amplifica dando voce a Liù, Nedda, Tosca, Leonora (Trovatore), Eleonora (Forza del Destino), Aida, Traviata, Maria di Rohan, Butterfly, Manon, Amelia, Maddalena, Margherita (A. Chénier), Abigaille (Nabucco), Elvira (Ernani), Santuzza e Delia (Mameli), in Teatri italiani ed esteri, sotto la direzione di Grandi Direttori: Leone Magiera, Alberto Veronesi, Claudio Micheli, Ivan Filev, Paolo Olmi, Massimo De Bernard, Roberto Polastri, Maurizio Arena, Bruno Bartoletti, Laurence Gilgore e registi quali: Massimo Pezzuti, Paolo Bosisio, Maurizio di Mattia, Habdalla Saad, Massimiliano Scaglione, Maestrini, Beppe de Tommasi. Intensa è la sua attività concertistica nei vari teatri del mondo affiancata da grandi cantanti.  

Domenico Menini – Tenore Nato a Belluno, si diploma in canto lirico con Raffaella Benori. Studia tecnica vocale e repertorio operistico con William Matteuzzi e con Ernesto Palacio. Vocalità di tenore lirico puro, dal 2004 è ospite in importanti teatri italiani, tra cui: La Fenice di Venezia, il Comunale di Bologna, Il San Carlo di Napoli, Il Verdi di Salerno, Il Donizetti di Bergamo, Il Verdi di Trieste, Il Lirico di Cagliari, Il Masini di Faenza, Il Verdi di Sassari; e in teatri esteri, tra cui: Théâtre Châtelet di Parigi, Il Showa Theater di Tokyo, Il Teatro Real di Madrid, l’Opernhaus di Zurigo, Il Teatro dell’Opera di Budapest, Il Grand Opéra di Tour, Dijon e Chartres, l’Atelier Lirico di Tourcoing in Belgio. Si esibisce in numerosi festival ed eventi culturali in Australia, Singapore, Uzbekistan, Libano, Uruguay, Francia, Germania, Lussemburgo, Belgio, Bulgaria, Bielorussia e Finlandia. Invitato dal Maestro Daniel Oren, è impegnato dal 2013 al 2015 in importanti produzioni (Nabucco, Otello, Bohème, Turandot e Manon Lescaut) presso il Teatro Verdi di Salerno e presso L’Israeli Opera a Tel Aviv. Ha ricevuto i premi: “Ebe Stignani” e “Pia Tassinari” a Faenza (2008-2014) e “Beniamino Gigli” a Helsinki (2013).   (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform