direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Su We the Italians l’intervista a Paul Canonici, autore di due libri sull’emigrazione italiana nelle piantagioni dell’Arkansas e del delta del fiume Mississippi

ITALIANI ALL’ESTERO

“Delta Italians” vol. I e II ripercorrono storie ed esperienze di italiani emigrati in loco a partire da inizio Novecento

 

NEW YORK – Su We the Italians l’intervista di Umberto Mucci a Paul Canonici, autore dei libri “Delta Italians” vol. I e II, che ripercorrono storie ed esperienze di italiani emigrati nelle piantagioni dell’Arkansas e del delta del fiume Mississippi.

La maggior parte di essi – quelli impiegati nelle piantagioni, su cui si focalizza il primo libro – provenivano dalle Marche e dall’Emilia Romagna ed erano giunti in loco in seguito ad un accordo siglato tra “Emanuele Ruspoli, sindaco di Roma alla fine del 1800, e Austin Corbin, proprietario o almeno gestore della piantagione chiamata Sunnyside, composta da più di 10.000 acri in Arkansas, appena oltre il fiume dall’altra parte di Greenville, Mississippi – spiega l’autore. “Ruspoli visitò la piantagione nel 1894 e si accordò con Austin Corbin” per il reclutamento e l’invio di 100 famiglie italiane all’anno, per 5 anni, per la piantagione Sunnyside, sguarnita a seguito della liberazione degli schiavi. Il secondo volume “integra il primo libro, ma contiene anche le storie dell’immigrazione di altri italiani che si stabilirono lì, pur non lavorando nelle piantagioni – precisa Canonici, segnalando un secondo tipo di emigrazione, questa volta dal Sud Italia, con caratteristiche ed evoluzione diversa dalla prima.L’autore è protagonista lui stesso dell’emigrazione italiana nel delta del Mississippi, nato da famiglia di marchigiani trasferitisi in loco per lavorare in fattorie e piantagioni. Canonici ripercorre la storia della sua famiglia, di altri italiani emigrati e segnala di aver ricevuto molti complimenti per i suoi testi, “perché i discendenti degli immigrati italiani apprezzano il fatto di poter preservare le loro storie, anche se ne rimangono solo pezzi incompleti – afferma. L’intervista completa si piò leggere al link: http://wetheitalians.com/single_post/story-italians-mississippi-meet-paul-canonici. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform