direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Su We the Italians l’intervista a Maria Cristina Loi, curatrice della mostra “Thomas Jefferson – An Italian President”

ITALIANI ALL’ESTERO

L’allestimento, proposto la primavera scorsa alla Casa Italiana Zerilli-Marimò di New York, incentrato in particolare sull’influenza della cultura italiana sul terzo Presidente degli Stati Uniti, che fu uomo di legge, architetto, agrimensore, studioso di botanica, collezionista di libri

 

NEW YORK – Su We the Italians l’intervista di Umberto Mucci con Maria Cristina Loi, curatrice della mostra “Thomas Jefferson – An Italian President” proposta nella primavera scorsa alla Casa Italiana Zerilli-Marimò di New York e dedicata al terzo Presidente degli Stati Uniti, uomo di legge, architetto, agrimensore, studioso di botanica, collezionista di libri.

L’allestimento era incentrato sull’influenza che la cultura italiana ha avuto nell’opera di Thomas Jefferson e da cui “derivò – spiega Loi – il suo grande amore per l’Italia che si è riversato in molti campi di una multiforme attività. Soprattutto, ma non solo, nel ruolo di promotore di una nuova architettura per la giovane nazione”. L’intento, ora, è quello di riproporre l’allestimento “negli Stati Uniti, nei centri di cultura italiana e più in generale presso le università e altre istituzioni culturali, prima tra tutte l’Università della Virginia, che tra le opere di Jefferson è sicuramente quella che più lo rappresenta. La “Rotunda”, la biblioteca dell’università, oggi sede di uffici, è un edificio esemplare: per ospitare il “tempio del sapere” Jefferson scelse a modello il Pantheon – spiega Loi, – un edificio che costituiva uno dei modelli più solenni dell’architettura dell’antica Roma”.

Loi ha approfondito lo studio del rapporto tra il presidente americano e l’Italia, in particolare nel campo architettonico, sin dalla sua tesi di laurea alla Facoltà di Architettura di Roma. Nell’intervista si sofferma sull’importanza che ebbe il viaggio effettuato da Jefferson nel 1787 ma anche sull’influenza dell’architettura italiana in generale per gli Stati Uniti. Per leggere l’intervista completa: http://wetheitalians.com/single_post/was-thomas-jefferson-italian-president. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform