direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

‘State of the Union 2021’, videomessaggio dei Ministri degli Esteri europei. Di Maio: “Europa come condivisione di valori”

FARNESINA

ROMA – I Ministri degli Esteri UE in un videomessaggio hanno celebrato i 10 anni di Europa nel Mondo per la promozione della pace e la difesa dei valori comuni, a margine della conferenza conosciuta come “State of the Union”. Si è trattato di un confronto di due giorni, per riuscire a capire quali strategie comuni adottare in Europa per uscire dalla crisi pandemica. Questo incontro si è tenuto pochi giorni prima di un altro appuntamento importante: la Conferenza sul futuro dell’Europa. “E’ un’opportunità per segnare una discontinuità rispetto a formule del passato percepite come autoreferenziali e lontane dai bisogni dei cittadini”, ha spiegato il in un videomessaggio il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio evidenziando la mancata ratifica del trattato costituzionale europeo nel 2005 ma anche la crisi finanziaria del 2008 che ha messo in ginocchio la Grecia con rischio di implosione del mercato unico e infine la Brexit. “Di fronte alla pandemia l’Europa è rimasta unita e ha cambiato il proprio approccio alle crisi. Strumenti inimmaginabili fino a pochi anni fa sono stati messi a disposizione degli Stati membri: il ruolo dell’Unione è ormai molto più della semplice sommatoria dei poteri conferiti a Parlamento, Consiglio e Commissione. L’Unione è oggi una comunità di oltre 400 milioni di persone in 27 Stati, quale espressione di una società sempre più interconnessa”, ha aggiunto Di Maio sottolineando come i primi venti anni del nuovo millennio abbiano visto sorgere nuovi equilibri e nuovi media. “L’Europa resta condivisione di valori e principi cui deve ispirare la sua politica internazionale promuovendo diritti umani e sviluppo sostenibile. L’Europa del futuro sia attore unitario incisivo nel panorama internazionale”, ha evidenziato Di Maio ammonendo sui rischi di posizioni anacronistiche come autarchia e protezionismo. “L’Italia punta al rafforzamento della politica estera e di sicurezza comune, della politica di vicinato e degli strumenti a difesa dei valori europei; quindi il superamento di alcune debolezze strutturali e da qui l’importanza di una politica industriale dell’Unione. Infine bisogna puntare alla promozione di un commercio internazionale ‘free and fair’ contrastando le pratiche distorsive in ambito fiscale, ambientale e sociale”, ha spiegato Di Maio ricordando che la piattaforma della Conferenza sul futuro dell’Europa sarà aperta al contributo dei cittadini; in più l’idea di riunire in comitati vari gruppi di esperti per elaborare proposte sull’architettura istituzionale e sui meccanismi decisionali europei: già lo scorso anno dall’Italia è giunta una prima raccolta di progetti. Infine Di Maio ha ricordato l’appuntamento che sarà ospitato dall’Italia e riguarderà la Conferenza dei Giovani sul futuro dell’Europa, quale grande raduno dei giovani europei aperto anche ai Balcani occidentali e al Mediterraneo. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform