direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

SIOI, giovani delegati italiani a New York per la Commissione ONU sullo status delle donne

ESTERI

 

NEW YORK – Dal 14 al 25 marzo 2022 si svolgerà la 66ª sessione della Commissione delle Nazioni Unite sullo Status delle Donne (Commission on the Status of Women – CSW66), che avrà come tema prioritario: “raggiungere l’uguaglianza di genere e l’emancipazione di tutte le donne e le ragazze nel contesto del cambiamento climatico, l’ambiente e la riduzione del rischio di catastrofi”. La Commissione è uno dei più importanti momenti annuali di discussione tra Rappresentanti degli Stati membri, entità delle Nazioni Unite e organizzazioni non governative che sono invitate a  fare il punto sulla condizione delle donne e a sostenere uno sforzo fondamentale  e condiviso per raggiungere la parità di genere e l’emancipazione delle donne nel contesto del cambiamento climatico, integrando la dimensione di genere nelle politiche e nei programmi di riduzione del rischio ambientale e delle catastrofi. Una sfida che appare quanto mai complessa se si considera che le donne, per molteplici ragioni che vanno, dalla disparità nell’accesso all’istruzione, alle risorse e al lavoro, alla disparità di partecipazione ai processi decisionali, fino alle esperienze di discriminazione, si trovano in una condizione estremamente vulnerabile nella quale l’impatto delle catastrofi ambientali e climatiche può essere devastante, soprattutto per le donne che vivono in contesti di conflitto o di emarginazione sociale. La delegazione italiana alla CSW66 sarà guidata dalla Ministra per le Pari opportunità e la Famiglia, Prof.ssa Elena Bonetti e vi parteciperanno anche i due Giovani Delegati italiani alle Nazioni Unite per il 2021-2022, Stefania Bait e Marco Demo che assisteranno al dibattito, coadiuveranno la missione diplomatica italiana e contribuiranno alla redazione del resoconto finale sulla CSW66.  “Sperimentare completamente l’importanza che il rapporto personale con l’altro ha nella costruzione delle relazioni internazionali”, Marco Demo.  “…vivere e assorbire quest’esperienza più intensamente possibile, per portarla con noi nel nostro percorso di formazione e soprattutto restituirla ai giovani italiani una volta rientrati”, Stefania Bait.  In occasione di questa importante missione, sono questi alcuni degli obiettivi dichiarati da Stefania e Marco, UN Youth Delegate per l’Italia, che ci rendono orgogliosi del loro impegno e confermano ancora una volta la scelta vincente della SIOI di investire nelle nuove generazioni – anche attraverso il Programma UNYD Italy – per affermare i valori condivisi delle Nazioni Unite con slancio energico e innovativo. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform