direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Sino-Italy Economic Cooperation Networking Event a Xi’an

ITALIA –CINA

 

MILANO – L’anno della cultura e del turismo Italia-Cina è iniziato con la Conferenza sulla cooperazione economica e gli scambi tra Cina e Italia 2020, che si è tenuta al Grand Hyatt Hotel di Xi’an lo scorso 9 gennaio. Oltre cento i partecipanti all’evento, tra cui il Direttore Generale della Fondazione Italia Cina Vincenzo Petrone, Qi Haibing, Direttore del Comitato di gestione delle zone ad alta tecnologia di Xi’an, Yao Jinchuan, vice Direttore dell’ufficio provinciale per gli affari esteri, Gu Haiwen, Direttore dello Xi’an High Tech Zone Management Committee, Vincenzo Lipardi, CEO dello Steel Incubator (SPICI), Marco Tortoioli Ricci, Presidente dell’Associazione Italiana per la Comunicazione Visiva (AIAP); Associazione per la promozione del commercio internazionale di Xi’an, Ufficio municipale per gli affari esteri; Xi’an High-Tech Group, Liangjiatan International School e altri rappresentanti di governi cinesi e italiani, rappresentanti di istituzioni, imprese e università, nonché media cinesi e stranieri, come China Daily, Shaanxi Daily, Xi’an Daily, Phoenix Shaanxi, That’s Beijing e altri.

L’incontro si è svolto nel corso di una cena organizzata dalla direzione del gruppo Chic. Vincenzo Petrone, Direttore Generale della Fondazione Italia Cina (FIC), ha tenuto un discorso di benvenuto. Nel suo discorso, ha affermato che la FIC è l’unica organizzazione non profit e non governativa a supporto della cooperazione bilaterale tra i governi italiano e cinese, che promuove l’attuazione della Belt and Road Initiative, a sostegno delle importazioni e delle esportazioni tra Cina e Italia, così come la cooperazione in varie attività tra i governi e le imprese cinesi e italiani, promuovendo in modo completo gli scambi e la cooperazione tra i due Paesi in vari settori come politica, economia, cultura, istruzione e salute.

Nel prossimo anno – ha confermato Petrone – la Fondazione Italia Cina collaborerà, come sempre, con Chic Group per svolgere una serie di attività internazionali, come il secondo Forum sull’innovazione dell’industria della moda sino-italiana che si terrà a Xi’an: il Direttore Petrone ha invitato il governo di Xi’an e la sua zona ad alta tecnologia a visitare l’Italia. La Fondazione Italia Cina farà ogni sforzo per promuovere l’ambiente di investimento di Xi’an per le aziende italiane e inserirà un capitolo speciale su Xi’an nel Rapporto annuale della Fondazione, che sarà presentato entro la metà dell’anno. Petrone ha inoltre invitato i leader e le società più importanti di Xi’an a partecipare al Forum industriale UE-Cina, che promuove visite reciproche a lungo termine e meccanismi di coordinamento per la cooperazione industriale, ad avviare un dialogo attivo con la zona high-tech di Xi’an, la città di Xi’an e la provincia dello Shaanxi per una nuova cooperazione a lungo termine tra Cina e Italia.

Haiwen Gu, vice Direttore del comitato direttivo della zona hi-tech di Xi’an, nel suo discorso ha sottolineato gli eccezionali contributi apportati da Fondazione Italia Cina e Chic Group negli ultimi anni, in particolare per la cooperazione tra Cina e Italia e le zone high-tech. I progetti di innovazione industriale su larga scala come China-Italy Fashion Town, China-Europe Cultural Tourism Town e China-Italy Hard Technology Industrial Park. La zona ad alta tecnologia non è solo l’ospite di progetti di cooperazione industriale ed economica Cina-Italia, ma anche il diretto beneficiario delle relazioni amichevoli tra i due Paesi. La zona ad alta tecnologia promuoverà costantemente vari progetti di cooperazione sino-italiana sotto la guida dei governi provinciali e comunali e dello stato, con l’aiuto delle associazioni per l’amicizia tra i due Paesi.

In seguito, Charles Fischer, presidente del gruppo Chic, e Helen Tu, membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Italia Cina, e direttore esecutivo del gruppo Chic, sono saliti sul palco: Chic è entrato nel mercato cinese in 2009 e ha istituito la sua sede in Cina a Shanghai. È arrivato a Xi’an nel 2017 e in soli due anni si è sviluppato rapidamente. Ha investito nella realizzazione e nella organizzazione della città della moda di Xi’an e della città del turismo culturale CEIBS, il parco industriale sino-italiano della hard technology e altri progetti innovativi. Il Gruppo Chic ha ricche risorse di cooperazione in Italia e all’estero: ha un buon rapporto di collaborazione con Lego, Ferrari, ecc. Nel 2019 ha collaborato con l’organizzatore della Settimana della Moda di Milano, la Camera nazionale di commercio italiana (CNMI), nel progetto della Settimana della moda e ha vinto la certificazione di agenzia esclusiva della Cina rilasciata da CNMI; ha recentemente firmato un accordo di cooperazione con il gruppo editoriale Mondadori e l’Umbria Music Festival in Italia, accompagnando diverse industrie italiane nel mercato cinese.

In futuro, hanno annunciato, il Gruppo Chic continuerà a concentrarsi sulla politica “aperta e illuminata, innovativa e imprenditoriale” per la creazione di imprese di XI’an e combinerà pienamente il buon ambiente di investimento con la forza e l’attività sicure e ricche di business per invitare aziende più rinomate a livello internazionale a investire a Xi’an e attirare più talenti in città, cosa che contribuirà allo sviluppo “chic” di Xi’an.

Durante la cena, gli ospiti hanno avuto scambi approfonditi sulle prospettive di sviluppo e sulle tendenze della cooperazione Cina-Italia in vari settori e su come promuovere la partnership strategica tra imprese o istituzioni cinesi e italiane, uno scambio che ha promosso l’atmosfera della cena e avuto numerosi momenti di consenso. Gli ospiti hanno espresso il loro apprezzamento alla Fondazione Italia Cina e a Chic Group per l’organizzazione dell’evento. Sosterranno anche attivamente eventi futuri nell’onda di cooperazione tra Cina e Italia nell’ambito dell’iniziativa Belt and Road.

Alla fine del banchetto, diversi media hanno intervistato i rappresentanti degli ospiti. “La Belt and Road Initiative porterà enormi cambiamenti in tutte le principali regioni del mondo. Questo è un grande progetto strategico per promuovere la cooperazione internazionale volta a collegare le economie e le persone di diverse parti del mondo” – ha detto Vincenzo Petrone, Direttore Generale della Fondazione Italia Cina -. Ha anche detto che ogni volta che viene a Xi’an, rimane scioccato dal rapido sviluppo e dalla vitalità della città. Crede che Xi’an abbia molti vantaggi e un grande potenziale in termini di risorse, talenti e trasporti. Crede che l’antica capitale millenaria diventerà rapidamente un’altra metropoli internazionale in Cina. Vincenzo Petrone ha dichiarato che in occasione del 50esimo anniversario della creazione di relazioni diplomatiche tra Cina e Italia, la Fondazione Italia Cina spera di dare il suo grande contributo, insieme a Chic Group, per esportare più risorse industriali italiane e promuovere l’economia, cultura, turismo e istruzione sino-italiana insieme a Xi’an, supportando più scambi e cooperazione in vari campi della scienza e della tecnologia.

Vincenzo Lipardi, CEO del New Steel Incubator della Campania (SPICI), e Marco Tortoioli Ricci, presidente dell’Associazione italiana per la comunicazione visiva (AIAP), hanno dichiarato in un’intervista che sotto il supporto della Belt and Road Initiative, le aziende italiane puntano a una cooperazione bilaterale con la provincia dello Shaanxi e a godere appieno dei profitti della BRI. In qualità di partner strategico di Chic Group nel settore tecnologico, SPICI collaborerà con Chic Group nello sviluppo di piattaforme per l’industria scientifica e tecnologica sino-italiana, centri di talento scientifico-tecnologico sino-italiano, incubatori di tecnologie e sviluppo di progetti congiunti sino-italiani per promuovere lo sviluppo della zona high-tech di Xi’an. L’implementazione del Parco Industriale Hard Technology Cina-Italia non solo offre importanti opportunità per la cooperazione Cina-Italia nei settori degli investimenti e dell’economia, ma diversifica e incarna anche la costruzione della Nuova Via della Sera tra Cina e Italia, a beneficio dei talenti cinesi e italiani, imprese, governi e di tutto il Paese.

Fondazione Italia Cina e Chic Group hanno organizzato congiuntamente una visita per una delegazione italiana composta da trenta rappresentanti. Durante il viaggio, hanno potuto scoprire l’elevata tecnologia di Xi’an, il design della moda, il design architettonico e altri settori. Hanno avuto incontri con il Museo di Xi’an e la Liangjiatan International School, dove hanno iniziato il dialogo in molti aspetti e campi per promuovere il rapido sviluppo di progetti di cooperazione tra Cina e Italia sul campo.(fondazioneitaliacina.it/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform