direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Sicilia Mondo intervista Rosolino Lo Duca, coordinatore della Federazione Siciliana del Michigan (USA)

ASSOCIAZIONI

 

CATANIA – Sicilia Mondo ha intervistato Rosolino Lo Duca, da oltre 30 anni proprio delegato a Mondo a Detroit  (USA). 72 anni, nato a Cinisi (Palermo),. Imprenditore, Lo Duca vive nel Michigan da 53 anni. E’ coordinatore della Federazione Siciliana del Michigan, aderente a Sicilia Mondo, composta da 15 società locali con più di 3000 soci.

Come è vista la situazione italiana a Detroit?

Positivamente. I risultati notevoli raggiunti dall’Italia negli ultimi decenni ci fanno tanto onore. Si ha però l’impressione che l’attuale situazione politica sia piuttosto confusa, anche se si ritiene che il presidente del Consiglio Renzi voglia rivoluzionare il sistema attraverso le riforme per rilanciare l’economia e l’occupazione. Ma gli italo-americani seguono con amore tutto quello che avviene in Italia, di cui si sentono figli orgogliosi.

Come sta la comunità italiana e siciliana in particolare?

Sta economicamente bene,  è apprezzata ed esercita un peso notevole nell’economia. I siciliani in particolare sono molto attivi ed intraprendenti. Molti hanno fatto fortuna. Cresce sempre più l’interesse per le trasmissioni  della televisione italiana.

Come è la situazione economica nel Michigan? E’ stata definitivamente superata la crisi?

Il cambiamento economico e la ripresa hanno attraversato l’intero Stato del Michigan. L’economia si sta riprendendo lentamente. Le condizioni sono tutte positive. Certo non è la stessa di alcuni anni fa ma si spera per il meglio. Non mancano settori di popolazione meno fortunata anche se la disoccupazione si è ridotta notevolmente.

A Detroit arrivano giovani italiani in cerca di lavoro?

Poca gente arriva a Detroit per lavori manuali. Abbiamo notizia che attraverso le Università sono arrivati gruppi di giovani italiani che si sono inseriti nel campo della ricerca. Ma parliamo di un numero ancora molto basso. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform