direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Serbia, a Kragujevac “Io e te” di Bernardo Bertolucci

CINEMA ITALIANO

Organizza l’Istituto Italiano di Cultura di Belgrado

 

 

BELGRADO – Per “I giovedì del cinema italiano” organizzati dall’Istituto Italiano di Cultura in Belgrado nell’ambito della XIV Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, questa sera alle ore 20 al Museo 21. oktobar di Kragujevac , in Serbia Centrale, sarà proiettato il film  di Bernardo Bertolucci “Io e te”(Italia, 2012) , ispirato all’omonimo romanzo di Niccolò Ammaniti .

Il film , interpretato da Jacopo Olmo Antinori, Tea Falco, Veronica Lazar , ha vinto il Premio Nastro d’Argento 2013, il Premio “Guglielmo Biraghi” (a Jacopo Olmo Antinori), il Nastro “Bulgari” (a Tea Falco); Nastri d’Argento 2013

Il film sarà proiettato in lingua italiana con sottotitoli in serbo.

Lorenzo è un quattordicenne problematico che non riesce a socializzare con i suoi coetanei e ad affrontare in modo costruttivo la realtà. Quando la sua scuola organizza la consueta tradizionale “settimana bianca”, il ragazzo finge di partire con la sua classe. In realtà si nasconde nella cantina di casa per trascorrere una settimana in perfetta solitudine, ma l’intrusione inaspettata della sorellastra Olivia sconvolge i piani del ragazzo e lo obbliga ancora una volta ad affrontare il mondo esterno.

In questo film, che segna il ritorno alla regia di Bernardo Bertolucci a otto anni di distanza dal discusso “The Dreamers”  del 2003, il regista adatta il romanzo breve “Io e te” di Niccolò Ammaniti rielaborando  la poetica intimista propria di altre sue opere precedenti e raccontando con profonda sensibilità la fragilità e la solitudine dell’adolescenza.

Bertolucci riprende uno dei temi ricorrenti nelle sue opera, cioè l’irruzione di un elemento estraneo, si tratti di un avvenimento storico o di un evento privato, il quale scardina l’ordine apparente in cui vivono i  personaggi dei suoi film. Nel caso di Lorenzo, che all’esistenza normale della sua famiglia e dei compagni di scuola contrappone un proprio mondo fatto di silenzi e di isolamento, l’ingresso della sorellastra Olivia, tossicodipendente in crisi di astinenza farà crollare gradualmente l’illusorio rifugio del ragazzo, costringendolo a uscire dalla cantina in cui si era nascosto per andare incontro alla vita vera.

L’evento è organizzato da Istituto Italiano di Cultura in Belgrado, Dipartimento di Lingua e Letteratura Italiana della Filum dell’Università di Kragujevac e Museo 21. oktobar di Kragujevac. (Programma del ciclo “I giovedì del cinema italiano” http://www.iicbelgrado.esteri.it/IIC_Belgrado/webform/SchedaEvento.aspx?id=994 ) (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform